Le sensazioni cambiano ma l’alimentazione elettrica fornisce un’alternativa importante anche in termini di prestazioni

Tutti lo sappiamo, l’elettrificazione delle vetture nasce principalmente per la riduzione di consumi ed emissioni di CO2. Il pensiero comune della maggior parte degli appassionati del mondo automobilistico è scettico nei confronti di un’alimentazione che, a detta di questi, non riesce a regalare le stesse emozioni in termini di guidabilità e coinvolgimento, considerando il suono del motore praticamente nullo. Ma le macchine elettriche vanno oltre a questo. Le prestazioni nella scatto iniziale, grazie alle unità elettriche che contribuiscono a fornire una coppia massima istantanea, aumentano prepotentemente rispetto a quelle delle vetture ad alimentazione tradizionale.

Il quarto di miglio come risultato

Secondo uno studio condotto dalla Select Car Leasing sui tempi di percorrenza del quarto di miglio, il 33% (9 su 30) dei modelli più veloci al mondo sono equipaggiati con una propulsione ibrida o completamente elettrica. Il principale motivo di una percentuale “bassa” risiede principalmente nella mancanza di velocità massima che non riesce a mantenere il vantaggio preso nell’accelerazione iniziale. In questa classifica troviamo ai primi due posti due vetture ad alimentazione tradizionale: la Dodge Challenger SRT Demon da 852 CV e 1044 Nm e la Bugatti Veyron Super Sport. La prima macchina “green” è la Faraday Future FF91 in terza posizione seguita dalla Ferrari LaFerrari.

4. Porsche 918 Spyder

E lo 0-100 km/h?

In linea di massima, considerando solamente lo scatto da 0-100 km/h, sembra che le auto elettriche siano nettamente più veloci delle auto ad alimentazione tradizionale, che alla distanza riescono a recuperare terreno come dimostra la gara sul quarto di miglio. La top 30 delle vetture più veloci infatti viene guidata al primo posto dalla Porsche 918 Spyder in grado di fermare il cronometro in 2,2 secondi seguita dalla Tesla S P100D in 2,6 secondi. Tra queste non vengono considerati alcuni modelli come ad esempio la 100% elettrica Pininfarina Battista, che dovrebbe addirittura secondo le indiscrezioni scendere al di sotto dei 2 secondi. Altre 7 auto, tra elettriche e ibride, compaiono in questa classifica dimostrando il progresso fatto dalle Case automobilistiche nei modelli elettrificati.