La squadra del Politecnico di Torino racconta il secondo posto alla Shell Eco-marathon, dove ha partecipato con un veicolo a idrogeno

Mercoledì 9 ottobre, presso il Museo dell’Automobile di Torino, il Team H2PolitO racconta le esperienze vissute e i risultati ottenuti durante la stagione agonistica 2019. La squadra, infatti, con il prototipo IDRAkronos e l’urban concept JUNO, ha preso parte alla Shell Eco-marathon. Si tratta di una manifestazione che si è tenuta lo scorso luglio presso il circuito di Mercedes a Brooklands, vicino a Londra, e che ha visto gareggiare più di 146 team provenienti dalle migliori università europee.

Il prototipo in gara

Durante la competizione che si è tenuta a luglio, il Team H2PolitO ha gareggiato nella categoria prototipi a fuel cell a idrogeno con l’IDRAkronos, un veicolo che da 4 anni prende parte a queste competizioni, conquistando un'ottima seconda posizione. Il nuovo powertrain utilizzato, dotato di motore elettrico, celle a combustibile e schede elettroniche di controllo appositamente sviluppati per la gara, ha permesso alla vettura di far registrare un consumo di 1.058 km/m3 (di idrogeno in condizioni normali) che corrisponde a circa 3.445 km/l (di benzina), segnando così un nuovo record per il veicolo del Team.

Team H2PolitO

Juno in gara tra le Urban concept

Per quanto riguarda la competizione degli Urban Concept, inoltre, il Team del Politecnico di Torino ha fatto esordire per la prima volta JUNO. Si tratta di un veicolo realizzato con una monoscocca in fibra di carbonio e componenti meccanici sviluppati per avere una riduzione massima del peso complessivo, che si attesta sui 129 kg a vuoto (anche grazie al powertrain composto da un motore termico a benzina da 50 cc di cilindrata). La vettura purtroppo non è stata classificata perché per alcuni problemi tecnici non è riuscito a completare tutti gli 11 giri previsti, ma nei 9 percorsi ha fatto registrare un consumo di 197 km/l.

Team H2PolitO

La collaborazione con Michelin

La sponsorizzazione tra l’azienda francese e la squadra H2Polito prosegue non solo con la fornitura di pneumatici speciali che offrono resistenza al rotolamento sei volte più bassa rispetto a quelli stradali ma anche con la consegna, in occasione dell’evento del 9 ottobre, di otto borse di studio ai componenti del team che più si sono distinti durante l’anno. A questo proposito è intervenuto anche Simone Miatton, Presidente e CEO di Michelin Italia che ha commentato:

"Anche quest’anno siamo molto contenti di essere testimoni dei risultati da podio del Team H2politO con cui condividiamo i concetti di lavoro di squadra, innovazione e competizione. Per Michelin la "competizione" è un laboratorio a cielo aperto per testare nuove tecnologie da trasferire agli pneumatici destinati a tutti gli automobilisti".