Svelato il piano Transform 2025+: la ID.3 confermata per estate, poi a seguire la ID.4. Già nel 2020 verrà abbassato il livello CO2

La realtà è conosciuta: la pandemia globale legata alla diffusione del Coronavirus sta mettendo a dura prova anche il mondo dell'automotive. La notizia recente è che, seguendo quanto messo in atto già da FCA, Renault e PSA, Volkswagen ha fermato la propria linea di produzione tramite comunicazione dell'ad Herbert Diess. Al contempo però, la casa di Wolfsburg ha voluto comunicare l'intenzione di portare avanti il suo piano per le auto a zero emissioni nonostante lo scenario sempre più complicato.

Transform 2025+

Il piano si chiama Transform 2025+ ed il cambiamento è chiaro: passare ad un business digitalizzato e, sopratutto, ad emissioni zero, al netto della pandemia legata la Covid-19

Ralf Brandstatter, Chief Operating Officier di casa Volkswagen "Nel 2020 dovremo affrontare grandi sfide, in particolare sullo sfondo della pandemia del Covid-19. Tuttavia, sostenuti dai buoni risultati dello scorso anno, siamo in grado di affrontare questa crisi".

Una dichiarazione evidente, che si lega al periodo di forte incertezza sia produttiva che in Borsa. Nel piano di Volkswagen, si legge nella nota, una voce importante riguardava un taglio di 3 miliardi di Euro. Un obiettivo che ha visto raggiungere già quota 2,7 miliardi, con una riduzione però della forza lavoro di oltre 10.900 posti "in maniera socialmente responsabile" e con la creazione di oltre 4.500 posti di lavoro.

Fotogallery: Volkswagen ID.3

Il 2020 resta un anno chiave

Il piano dunque prosegue, e la chiave rimane - nelle intenzioni di Volkswagen - il mondo dell'elettrico. Tutto verte intorno alla piattaforma modulare MEB dunque. La ID.3, prima auto completamente elettrica, sarà consegnata ai clienti a partire da questa estate.

Un'informazione evidente e chiara, considerando sì gli ultimi problemi riscontrati in fase di collaudo finale, ma anche la produzione già avvenuta di oltre 30 mila esemplari pronti per essere immessi sul mercato.

1,5 milioni di EV entro il 2025

Dopo la compatta, sarà il turno della Volkswagen ID.4 che, come sottolineato, arriverà subito dopo. Sarà poi il turno - presumibilmente - della piccola, la citycar ID.1. Sono tutti elementi che porteranno a quello che, nei piani di Volkswagen, è l'obiettivo per i prossimi anni: entro il 2022 ci saranno modelli con piattaforma MEB per gni segmento, ed entro il 2025 almeno 1,5 milioni di auto elettriche saranno vendute annualmente.

Dunque, per poter contestualizzare, considerando i circa 6 milioni di veicoli venduti dal gruppo, si tratterrebbe di circa il 25% del parco auto. Questo l'obiettivo, al netto della completa decarbonizzazione della flotta e del Gruppo entro il 2050. Questo il futuro, con il presente che comunque, sempre secondo quanto riferito, dovrebbe permettere di abbassare di 25 grammi il proprio monte emissioni del parco auto complessivo, così da riuscire ad ottemperare alle direttive europee.

Fotogallery: Volkswagen ID.4 2020

Non solo elettrico, ma anche digitalizzazione

Oltre all'elettrificazione, nei prossimi anni il marchio proseguirà con forza il suo processo di digitalizzazione, la "roadmap di trasformazione digitale". Il focus qui rimane su due aree chiave: l'implementazione della trasformazione digitale, con il contraccolpo di 4000 posizioni amministrative elimnate entro il 2023, e la creazione della nuovissima divisione chiamata Car Software per, ovviamente, lo sviluppo di software auto per tutto il gruppo.

Questo il programma sottoscritto e promosso da Wolfsburg. Bisognerà capire come questo impatterà con quello che è un periodo storico evidentemente praticamente senza precedenti, legato alla pandemia del Coronavirus.