Si amplia la rete di punti di ricarica accessibile con la card della società tedesca: per l'Italia partnership con Duferco Energia

DKV è un’azienda tedesca che da oltre 80 anni è tra i principali fornitori di servizi nel settore della logistica e dei trasporti in Europa.

All’avanguardia nel settore delle carte carburante, ha colto le nuove opportunità offerte dalla mobilità elettrica proponendo soluzioni ad hoc come la Card +Charge, una sorta di carta carburante dedicata alle auto elettriche che permette di ricaricare presso una rete di decine di migliaia di colonnine dislocate in tutta Europa.

Ci si ricarica anche in Italia

Oggi DKV, o meglio, la joint venture tra DKV e Innogy che prende il nome Charge4Europe, annuncia di aver siglato un accordo con l’italiana Duferco Energia e con il consorzio Chargy che opera principalmente in Lussemburgo, Germania, Austria e Svizzera. Grazie a questo accordo i possessori di Card +Charge potranno accedere a 2.000 nuovi punti di ricarica in Italia e ad ulteriori 4.500 punti di ricarica dislocati nei Paesi dove Chargy è presente.

Considerando anche Francia, Paesi Bassi e Belgio, i possessori della carta proposta da DKW avranno accesso a una rete di ricarica che, potendo contare su oltre 70.000 colonnine, sarà la più grande d’Europa. E intanto, proprio nel Vecchio Continente, la spinta alla mobilità elettrica si fa sempre più intensa, con l'ipotesi di nuovi e importanti incentivi "centralizzati".

Accordi per crescere

"La nostra strategia di crescita prevede l'ingresso in nuovi mercati e significativi sforzi dal punto di vista commerciale, legale e finanziario", spiega Marco van Kalleveen, CEO del Gruppo DKV Mobility Services, "per questo siamo soddisfatti di questo importantissimo passo avanti attivando una collaborazione con importanti partner per rafforzarci nel mercato austriaco, italiano e lussemburghese della mobilità elettrica".