L'iniziativa di Acea per sensibilizzare gli studenti ai problemi ambientali attraverso lezioni online, che trattano anche l'eMobility

Le vetture elettriche e la sostenibilità continuano il loro viaggio nelle scuole per sensibilizzare gli automobilisti (e gli adulti) di domani alle tematiche ambientali. L’iniziativa di oggi è firmata Acea, che ha dato vita alla seconda edizione di “SiAMO energia! Spegni la luce e accendi la tua fantasia”.

Si tratta di un’attività di formazione al risparmio energetico e alla sostenibilità in generale. Sarà disponibile fino al 17 giugno, dalle 16 alle 21, sul link www.gruppo.acea.it/media/acea-scuola. L’obiettivo della multiutility romana è quello di raggiungere migliaia di giovani studenti in tutta Italia, che potranno collegarsi e seguire da casa.

eMobility e non solo

Anche quest’anno, infatti, le “lezioni” si svolgeranno online a causa dell’emergenza sanitaria. A salire in cattedra è Valerio Mazzei, youtuber noto alla generazione Z, con oltre un milione di follower sui canali social.

Il format dell’educational è fatto di filmati in 3D e percorsi didattici che trattano tre macrotemi: energia, illuminazione e mobilità elettrica. Questo viaggio multimediale racconta le nuove sfide che ruotano attorno alle questioni energetiche e alla sostenibilità.

Scuolabus elettrici: 20 milioni dal ministero dell'Ambiente

Cultura e tecnologia insieme

Lo spiega chiaramente Giuseppe Gola, amministratore delegato del gruppo Acea: “Con questa iniziativa guidiamo i ragazzi alla scoperta di una risorsa che ci permette di svolgere infinite attività, ma che siamo talmente abituati a utilizzare da non chiederci più da dove arrivi, e da non dubitare mai della sua disponibilità”.

Gli fa eco Michaela Castelli, presidente del gruppo Acea: “Il progetto, che è stato realizzato come un viaggio multimediale nel mondo dell’energia, unisce la cultura della sostenibilità e del rispetto del territorio agli aspetti più pratici e tecnologici della gestione delle risorse energetiche”.

Più formazione per tutti

Le iniziative per educare gli automobilisti del futuro alla mobilità sostenibile, e alle questioni ambientali in generale, si fanno sempre più numerose. Nelle scorse settimane, Stellantis e Unasca hanno portato a termine il progetto Pole Position, che insegna i segreti dell’auto elettrica agli istruttori di scuola guida, per poi trasmettere le nuove conoscenze ai loro allievi.

Della scorsa settimana, invece, la conclusione del percorso “Rete emobility”, che promuove il trasporto elettrico negli istituti tecnici e professionali. Anche le Case stanno portando la transizione ai più piccoli. Come Tesla, che ha lanciato i primi modellini giocattolo di vetture a batteria insieme a Mattel. Da questo collaborazione, è nato pure il Cybertruck radiocomandato di Hot Wheels. E anche noi ci occupiamo e continueremo a occuparci di formazione, dopo il successo della prima InsideEVs Academy organizzata insieme a Motus-E.