Vuoi cambiare auto, abbandonando quella a combustione interna e passare a un’elettrica, ma non sai scegliere il veicolo più adatto alle tue esigenze? Non preoccuparti, il Governo del Regno Unito ha trovato la soluzione che fa per te.

Per aiutare gli automobilisti più indecisi a compiere il passaggio alle zero emissioni, Oltremanica stanno lanciando un’app gratuita, chiamata EV8 Switch e disponibile sia per Android che per Apple, grazie a un finanziamento da 2,7 milioni di sterline arrivato dalla UK Space Agency.

Dai consigli ai risparmi

Secondo il Dipartimento dei trasporti (DfT), l’applicazione consiglia l’auto elettrica più adatta a ogni automobilista basandosi sulle caratteristiche del veicolo già posseduto e sull’uso che se ne fa. Spiega anche come il nuovo acquisto si adatti allo stile di vita del compratore. Ma non è tutto.

external_image

EV8 Switch mostra anche le colonnine più vicine e calcola il numero di viaggi che sarà possibile fare senza fermarsi per ricaricare la batteria. Come se non bastasse, l’app indica il risparmio in termini di manutenzione e la quantità di CO2 non rilasciata nell’ambiente circostante.

Non solo EV8 Switch

L’applicazione è solo un piccolo tassello che si inserisce in una più ampia strategia di Londra per portare il Paese a non vendere più auto endotermiche nel 2030. Un altro fronte su cui il DfT si è mosso è stata l’alleanza con il sito Electrifying.com, che contiene una guida per aiutare le persone alla conversione green.

E poi c’è l’allargamento ad altre imprese del finanziamento da 50 milioni di sterline, lanciato a febbraio, per dare una mano alle aziende che vogliono installare i punti di ricarica. Adesso saranno incluse anche le pmi, come i B&B.

Big Ben at sunset with blurry bus in motion in London

Verso la COP26

“Voglio fornire non solo un facile accesso agli strumenti di cui le persone hanno bisogno per sentirsi sicure nel passaggio all’elettrico, ma anche assicurarmi che i punti di ricarica siano accessibili, convenienti e riconoscibili”, ha affermato Grant Shapps, segretario ai trasporti in UK.

“Ecco perché – ha continuato – abbiamo già usato 1,3 miliardi di sterline per accelerare il lancio di infrastrutture di ricarica su e giù per il paese. E mentre attendiamo con impazienza la COP26, la nostra visione è che il Regno Unito sia in prima linea nel futuro dei trasporti a zero emissioni, creando migliaia di posti di lavoro verdi in questa transizione”.

Non si torna indietro

Alle parole di Shapps si sono aggiunte quelle di Ginny Buckley, fondatrice di Electrifying.com: “Sappiamo che passare a un’auto elettrica può essere una prospettiva complicata all’inizio, quando ci sono una serie di nuove informazioni da capire e un vecchio gergo da eliminare. Ma non è così complicato come potrebbe sembrare e la nostra ricerca mostra che, una volta passati all’elettrico, non si vuole più tornare alle auto a benzina o diesel. Siamo lieti di aver collaborato con il Governo per aiutare gli automobilisti a schiarirsi le idee”.