Stavolta Electric Coach esplora i pregi della guida a emissioni zero (e prossimamente approfondiremo anche i limiti)

Per la sua stessa natura tecnica, l’elettrico ha segnato una discontinuità senza precedenti rispetto al passato (anche quello più recente) dell’auto. Niente più pistoni e bielle, ma anche niente più emissioni allo scarico, per uno stravolgimento che ha portato con sé un modo di guidare tutto nuovo.

Una guida che si rivela sorprendentemente appagante - anche sulle auto di fascia bassa - grazie alle caratteristiche intrinseche del motore elettrico, illustrate in questa nuova puntata di Electric Coach, che esplora le ragioni per cui "è bello" guidare un’auto elettrica.

Ambiente e performance

La prontezza all’acceleratore però è solo l’aspetto più immediato che osserva chi si avvicina per la prima volta all’elettrico. Perché ok le performance e il profondo senso di tecnologia che avvolge gli EV, ma alla fine ciò che più distingue l’esperienza rispetto alle auto termiche è la sensazione di non emettere nulla allo scarico, in un ambiente silenzioso e privo di vibrazioni.

 

 

E i limiti?

Accanto ai pregi, però, bisogna riconoscere anche i limiti nell'impiego di questa alimentazione, su cui ci soffermeremo nelle prossime puntate. E intanto continua anche l’opera di raccolta e catalogazione delle vostre domande, a cui Electric Coach continuerà a rispondere ogni settimana.