La Casa italiana sta trattando una possibile collaborazione con Faraday Future e Seres per l’acquisto di powertrain elettrici

La transizione energetica in atto in questi anni sta richiedendo uno sforzo importante alle Case automobilistiche che con ingenti investimenti stanno sviluppando nuove tecnologie, piattaforme modulari di ultima generazione e powertrain elettrici per i modelli di oggi e domani. A volte, però, dopo un’attenta analisi dei costi da sostenere e delle risorse disponibili, secondo la logica del Make or Buy, le aziende tendono ad esternalizzare la produzione e lo sviluppo di sistemi e componenti per le proprie vetture.

Una strategia che oggi pare intenzionata a seguire anche FCA. Per quanto in questo momento manchi l'ufficialità della notizia, sembra che nel corso di un incontro con gli investitori Mike Manley, CEO di FCA, abbia accennato alla possibilità che il Gruppo sfrutti le competenze di altre società per lo sviluppo di powertrain da utilizzare poi sui suoi modelli. Nello specifico, il gruppo italo-americano starebbe valutando una partnership con le start-up Faraday Future e Seres. Tuttavia, per il momento si tratta di voci di corridoio, dall'alto non è ancora arrivata alcuna conferma.

Cosa sappiamo

Tramite indiscrezioni trapelate in anonimo da alcuni impiegati delle due aziende, abbiamo scoperto che le trattative sarebbero già in fase avanzata. Nel caso di Faraday Future gli incontri risalgono addirittura ad aprile e a ottobre sarebbero stati eseguiti i primi test su strada di un veicolo FCA equipaggiato con la tecnologia a propulsione elettrica della startup americana. Nel frattempo, invece, alla cinese Seres è stato affidato il compito di convertire in elettrico due vetture della Casa italiana.

Fiat 500 elettrica, tutto quello che sappiamo di lei aspettando il 2020

Il momento di difficoltà

Le due startup con cui FCA sarebbe in contatto sono alla ricerca di un accordo che possa risollevarle dopo mesi complessi. Faraday Future, dopo aver affrontato due crisi finanziarie che hanno portato a centinaia di licenziamenti, ha recentemente nominato un nuovo CEO e sta cercando di raccogliere 850 milioni di dollari per la produzione della sua prima vettura elettrica.

Discorso simile per la cinese Seres che ha sospeso a inizio anno il lancio di due SUV elettrici in USA e ha licenziato 90 dipendenti. Oggi, dopo aver trovato un accordo con BYD per lo sviluppo di controller per la gestione elettronica della potenza, è in cerca di una nuova collaborazione per aumentare il proprio business.

FCA USA

Nessun comunicato ufficiale

Se le indiscrezioni fanno pensare a possibili partnership future tra le aziende per l’acquisto di tecnologie al servizio dell’alimentazione elettrica, dai piani alti non arrivano però conferme. John Schilling, direttore della comunicazione di Faraday Future, ha dichiarato: ”non abbiamo escluso la possibilità di future joint venture e potenziali partnership con altri OEM ma per il momento non possiamo aggiungere altro”. Anche un portavoce di FCA ha dichiarato che la società non intende commentare, per adesso, i potenziali rapporti commerciali del futuro.