Al volante della Microlino fra le strade di Milano. Provare la microcar elettrica nel capoluogo meneghino sarà ancora più facile, perché la vetturina a batteria sbarca nel centro della città, precisamente negli showroom L-Etrik.

Qui, dove era già possibile ammirare e salire a bordo di moto e scooter elettrici, Microlino si presenta con gli obiettivi di “promuovere soluzioni di trasporto sostenibili”, sottolineare “l’importanza della micromobilità nelle dinamiche urbane” e migliorare “la qualità della vita in modo economico, ecologico e sostenibile”.

Microlino: le specifiche

Nell’annunciare la partnership, il Gruppo Koelliker – che distribuisce la microcar – ricorda le specifiche della vetturina ispirata alla storica Isetta. Presente nelle versioni Dolce e Competizione, è dotata di un solo sportello frontale, pensato per due passeggeri, e vanta uno stile definito “inconfondibile”.

Microlino Dolce

Microlino Dolce

Facile da parcheggiare e con un bagagliaio “generoso” da 230 litri, la Microlino raggiunge la velocità massima di 90 km/h e ha un’autonomia di 91, 177 o 230 km, in baso al pacco batterie. È inoltre “best in class” in sicurezza, performance e durabilità. Qui sotto, i dettagli riportati dalle aziende.

  • Sicurezza: è il primo prodotto della sua categoria ad avere un telaio unibody in acciaio e alluminio, proprio come una classica automobile. Questo aspetto la rende più sicura rispetto ai veicoli della stessa categoria che invece sono dotati di telaio tubolare e pannelli in plastica.
  • Performance: l’elevata rigidità torsionale, paragonabile a quella delle autovetture, unita alla leggerezza delle parti in alluminio, consente un’esperienza di guida precisa e dinamica.
  • Durabilità: i materiali di alta qualità e il processo di produzione e controllato secondo le più avanzate tecnologie consentono di prevedere un lungo ciclo di vita ed una performance costante anche dopo un lungo chilometraggio e un elevato valore residuo”.