Negli Stati Uniti Tesla ha ridimensionato la sua attività di Supercharger e licenziato circa 500 dipendenti della divisione. Il resto del settore della ricarica dei veicoli elettrici del Paese sta quindi cogliendo l'opportunità di recuperare terreno.

BP Pulse, la sussidiaria del gigante del petrolio e del gas per la ricarica di veicoli elettrici, ha dichiarato a Bloomberg che "sta cercando aggressivamente di acquisire proprietà immobiliari per scalare la rete, un obiettivo che si è accentuato dopo il recente annuncio di Tesla".

La concorrenza cerca vantaggi

Non è ancora chiaro se Tesla stia abbandonando alcuni progetti oppure no. In seguito alla notizia dei licenziamenti, l'amministratore delegato di Tesla Elon Musk ha chiarito che l'azienda sta rallentando l'espansione della rete di Supercharger e si sta concentrando sul potenziamento delle sedi esistenti.

Tuttavia l'azienda ha cancellato alcuni siti pianificati a New York, come riportato in precedenza da InsideEVs US. Così BP e altri fornitori di ricarica si sono immersi nel caos della situazione nella speranza di accaparrarsi alcune posizioni privilegiate.

"Se ci sono partner immobiliari bloccati che cercano qualcuno da chiamare, dovrebbero sentirsi liberi di prendere il telefono e chiamarmi o cercarmi su LinkedIn", ha detto Sujay Sharma, CEO di BP Pulse Americas, a Bloomberg. 

Gli operatori di punti di ricarica come Tesla di solito stipulano accordi per affittare terreni da centri commerciali, catene di supermercati e simili. BP può inoltre sfruttare un'enorme rete di stazioni di servizio esistenti, che le conferisce un vantaggio competitivo.

BP, lo ricordiamo, è una delle catene di stazioni di servizio che negli Stati Uniti sta investendo di più nella ricarica dei veicoli elettrici, insieme a Pilot-Flying J e Love's Travel Stops. Nel 2023, BP ha dichiarato che avrebbe investito in questo progetto 1 miliardo di dollari entro il 2030.

L'anno scorso ha anche firmato con Tesla un accordo senza precedenti ordinando per 100 milioni di dollari l'hardware di ricarica di Tesla, che gestirà in modo indipendente.

BP non è l'unica

Nel frattempo anche l'azienda di ride-hailing e ricarica di veicoli elettrici Revel sta valutando i luoghi che Tesla ha abbandonato a New York, come ha recentemente dichiarato l'amministratore delegato della società a InsideEVs US.

L'amministratore delegato di EVgo, un'altra grande rete di ricarica, ha dichiarato in una recente conferenza stampa che la decisione di Tesla crea l'opportunità per altre società di ricarica di "recuperare parte del ritardo in termini di crescita delle stazioni di ricarica che Tesla potrebbe lasciare indietro". Continuate a seguirci per saperne di più.