Tra le rivoluzioni introdotte dalla mobilità elettrica c’è anche quella “sonora”. Già, perché come prevede la normativa Ue sotto i 20 km/h le auto dovranno emettere un qualche suono per la sicurezza dei pedoni. E quindi, come abbiamo avuto modo di vedere, le Case auto si stanno muovendo nelle direzioni più disparate per dare un "rumore", una voce riconoscibile e peculiare alle proprie EV.

BMW in particolare ha scelto di affidarsi ad Hans Zimmer, premio Oscar e star assoluta delle colonne sonore: dal Gladiatore a Rush, passando per Il Cavaliere Oscuro. In un’intervista al New York Times, il compositore ha svelato i segreti dietro la creazione del suono delle futura i4: vediamo i passaggi più significativi.

Un complesso equilibrio

“È uno straordinario esperimento, stiamo creando un suono che sia piacevole sotto il profilo estetico e calmante, una sorta di antidoto alla rabbia da strada”, spiega Zimmer, “è un qualcosa che vuole trasportare le persone nel modo più elegante possibile. Vogliamo rendere la vita meno caotica e più bella”.

Al tempo stesso però, la firma sonora di un’auto deve in qualche modo sottolinearne le prestazioni, a maggior ragione quando si parla di un marchio come BMW. Ed è qui che deve trovarsi il giusto equilibrio, perché come sottolinea Renzo Vitale, sound designer della Casa di Monaco, i suoni collegati al sistema di start/stop sapranno “instillare un senso di eccitazione”.

Lavoro di sottrazione

“Troppe informazioni tutte insieme distrarrebbero, normalmente quando si guarda un’ opera d’arte ci+ che la rende grande è la sua semplicità”, conclude Zimmer, che rivela di aver accettato la proposta dell’Elica perché “sono cresciuto con BMW, la mia famiglia ha sempre guidato queste auto. C’è una connessione emozionale”.

E voi, che ne pensate del suono messo a punto per la i4, evidentemente pensato per riempire l'abitacolo anche oltre i 20 km/h? Scrivetelo qui sotto nei commenti o sulla nostra pagina Facebook.

Fotogallery: 2020 BMW Concept i4