I pannelli fotovoltaici applicati alle auto elettriche non sono certo una novità assoluta. Oggi siamo ancora lontani dall'idea di una vettura esclusivamente "solare", ma la ricerca in questo campo non manca. E poi c'è anche chi questa idea l'ha estremizzata per illustrare le potenzialità dell'energia del Sole e l'evoluzione della tecnologia FV. 

Come? Portando in giro una normalissima auto elettrica che, invece di essere ricoperta da celle, trasporta un vero e proprio impianto fotovoltaico nel bagagliaio. È la trovata dell’Università di Newcastle, che ha annunciato l’iniziativa Charge Around Australia per guidare una Tesla Model 3 lungo tutto il perimetro dell’isola, completando un viaggio lungo ben 15.095 chilometri (9.380 miglia). A ricaricare la berlina di Elon Musk sarà, appunto, un enorme pannello solare. Ma com’è possibile?

Il segreto è la flessibilità

Si tratta di una tecnologia sviluppata dal Center for Organic Electronics della stessa università australiana, che conferisce al pannello un'incredibile leggerezza e una notevole flessibilità, tanto da permettere all’automobilista di piegarla e conservarla nel portabagagli.

Foto - Il viaggio a pannelli solari della Tesla Model 3
Un'immagine che dice tutto su come sia possibile piegare il pannello solare

Basta pensare che a produrre questo strano pannello solare è stata una ex stamperia per etichette di fiaschi di vino. Realizzata con bottiglie riciclate, la super cella costa 10 dollari (9,5 euro) per metro quadrato ed è lunga più di 18 metri (60 piedi).

Più energia per tutti

L’obiettivo di questa iniziativa non è solo quello di sperimentare la ricarica solare sulle auto elettriche, quanto di capire se i pannelli fotovoltaici stampati potranno, in un futuro magari non lontano, ricoprire le superfici di diversi mezzi di trasporto (e non solo) per fornire ancora più energia, senza procedere a installazioni un po’ più complicate.

Foto - Il viaggio a pannelli solari della Tesla Model 3
Esempio di applicazione su una superficie curva

Durante il suo lungo percorso, la Tesla Model 3 si fermerà in circa 70 scuole, per sensibilizzare i giovani ai problemi ambientali. Sarà in marcia per 84 giorni dopo che sarà scattato il semaforo verde, a settembre. Per conoscere un’auto a celle fotovoltaiche, potete invece dare un’occhiata ai progetti di Aptera o di Sono Motors.

 

Fotogallery: Foto - Il viaggio a pannelli solari della Tesla Model 3