La Cina è arrivata a quota 20 milioni di NEV, "New Energy Vehicle", una categoria che include veicoli 100% elettrici, Plug-in e Range Extender, ossia i massimi livelli dell'elettrificazione.

A raggiungere questo traguardo di assoluto rilievo è stata nello specifico GAC, con un esemplare di Aion Hyper GT color argento uscita poche ore fa dallo stabilimento di Guangzhou, ma è un traguardo dell'intera industria cinese che per l'occasione è stato festeggiato da una rappresentanza dei principali produttori: FAW, Dongfeng, SAIC, Changan, BAIC, BYD, Chery, JAC, Great Wall Motors, NIO, XPeng e sì, anche Tesla.

Ritmo accelerato

Come spesso accade, il dato davvero rilevante non è tanto nel primato in sé ma nei tempi con cui è stato ottenuto. Il traguardo dei 10 milioni è infatti stato raggiunto nel febbraio del 2022, a ben 27 anni dalla produzione dei primi veicoli elettrificati classificabili come NEV. Ora, meno di un anno e mezzo dopo, quel risultato è stato doppiato.

Ovviamente, alla crescita produttiva si accompagna un vero e proprio boom commerciale, non soltanto sul piano dell'elettrico: i brand "di casa" nella prima parte dell'anno hanno infatti conquistato la maggioranza del mercato, attestandosi al 53,1% e superando finalmente i marchi stranieri. Fenomeno correlato anche con la moltiplicazione dei marchi stessi, che tra nuovi e spin-off in questo momento sono poco meno di 150.

I NEV, che alla fine di maggio hanno toccato le tre milioni di unità prodotte e poco meno vendute, si avvicinano a grandi passi alla quota del 30%, con incrementi da un anno all'altro di oltre il 45,1%, e crescite interessanti nella fascia di mercato considerata premium, dove in pochi anni sono passate da poco più dell'1% a oltre il 3%, mentre in quelle inferiori si registrano crescite più sostanziose, anche fino al 17,5%.

Fotogallery: GAC Aion Hyper GT