Film, video e serie TV stando comodamente seduti in macchina: Elon Musk lo annuncia con un tweet

Che Elon Musk sia un imprenditore vulcanico non è una novità. Tesla, razzi spaziali Space X riutilizzabili, Hyperloop sono la prova concreta che il 48enne californiano non pone l'imiti all'immaginazione. Assiduo frequentatore di Twitter, proprio con un cinguettio ha annunciato una novità che potrebbe fare da spartiacque tra il presente e il futuro.

Netflix e YouTube sugli schermi delle Tesla

Musk ha annunciato che con il prossimo aggiornamento software le Tesla saranno in grado di trasmettere in streaming i contenuti di Netflix e YouTube sul grande schermo al centro della plancia. Il software, come noto, si aggiornerà in remoto. Il modello "over-the-air" di Tesla, infatti, rappresenta uno standard che tutti i costruttori di auto stanno cercando di raggiungere (come dimostrano ad esempio gli sforzi di BMW).

Naturalmente, per ragioni di sicurezza, la visione sarà possibile soltanto a vettura parcheggiata. In futuro Musk non esclude la visione con l'auto in movimento, possibile quando la legge lo permetterà, dando per scontato che la guida autonoma sarà talmente affidabile da non richiedere l’attenzione del conducente.

Intrattenimento in auto

Il grande schermo centrale presente nelle Tesla non è più un semplice monitor dedicato all'infotainment e alle funzioni di bordo. Sta diventando un vero e proprio sistema di intrattenimento. Musk e soci, infatti, avevano già aggiunto la sezione videogiochi, con la possibilità di riprendere dai classici Atari fino agli scacchi, che saranno disponibili prossimamente sulle Tesla mediante un aggiornamento.

Tesla Model Y vs Model 3

L’idea di sfruttare il monitor in auto durante le soste per trascorrere il tempo non è poi così innovativa, mentre la possibilità di vedere programmi TV durante la marcia apre nuovi scenari, anche preoccupanti, in un certo senso. Dovremmo infatti avere una fiducia illimitata nella sicurezza dei sistemi di guida autonoma. Elon Musk ce l’ha già, afferma infatti che l’unico limite sono le imposizioni di legge attuali. E anche in questo, si dimostra avanti rispetto ai tempi.