La Casa giapponese mostra una EV con carrozzeria crossover e impostazione insolita: batteria piccola e motore Wankel range extender

Con il Salone di Tokyo ormai alle porte, Mazda si prepara ad essere una delle principali protagoniste con le tante novità al debutto tra cui la prima elettrica della propria storia. Mazda, che da sempre ha un approccio personale all'auto, punta su una batteria compatta, per risparmiare ingombri e peso, e sull'adozione di un motore Wankel che svolge la funzione di range extender

Dimensioni da crossover e linea da coupé

Come mostrato dal video teaser che la Casa ha appena rilasciato, le dimensioni fanno pensare ad una somiglianza con il precedente prototipo E-TPV già presentato da Mazda. La linea della carrozzeria però sembrerebbe cambiare e assumerebbe forme da SUV coupé, con abitacolo da sportiva e un'inedito sistema di apertura delle porte. Ma perché la carrozzeria crossover? Per due motivi, principalmente. Da una parte per mere logiche di mercato: oggi la maggior parte dei clienti è affascinata dai SUV, dall'altra la funzione aerodinamica dei SUV coupé, fondamentale su un'auto elettrica in generale e sulla vettura di Mazda in particolare, vista la presenza di una batteria piccola. O comunque più piccola della media.

Occhiolino Mazda EV

L’aerodinamica alla base del progetto

Guardando altrove, in realtà, si scopre che non è automatico che un SUV-coupé sia più aerodinamico di un SUV tradizionale. Nel caso di Bmw X3 e X4, ad esempio, il coefficiente di resistenza aerodinamica è più alto sulla seconda (0,30 vs 0,29). Mercedes, dal canto proprio, non ha rilasciato dati confrontabili per GLC e GLC Coupé. Ma, tornando a parlare di Mazda, l'aerodinamica dovrebbe essere un punto fondamentale nella realizzazione di questo progetto, dal powertrain inusuale.

La Casa giapponese ha confermato di non credere nell’utilizzo di grandi pacchi batteria, come dimostra quello con capienza di 35,5 kWh utilizzato sulla E-TPV. Preferirà puntare su uno schema range extender, adottando anche un motore termico per ricaricare in marcia la batteria. 

Il piccolo pacco batterie dovrebbe consentire a Mazda di superare un altro aspetto critico per l'efficienza: il peso. Il primo BEV dell'azienda giapponese dovrebbe essere così più leggero rispetto alle concorrenti. Ma di quanto? Per avere questa risposta non ci resta che aspettare il 23 ottobre, il giorno della presentazione.

Fotogallery: Mazda EV teasers