La PHEV più potente della nuova generazione è spinta da un 1.4 TSI e un motore elettrico con batteria da 13 kWh

Il debutto della Volkswagen Golf 8 conferma ufficialmente quanto già ampiamente intuito riguardo ai piani di Wolfsburg inerenti la riorganizzazione della gamma. La Casa tedesca riserverà l'alimentazione puramente elettrica alle vetture a marchio ID, ID.3 in testa. Le altre auto, però, andranno incontro ad un processo di progressiva elettrificazione.

La prima a muoversi in questa direzione con passo deciso è la nuova Golf che, giunta all'ottava generazione, avrà una gamma ibrida molto articolata. Più di quanto abbia mai mostrato in una storia lunga 45 anni e 35 milioni di esemplari venduti.

Volkswagen Golf 8 (2019)

Tre ibride “leggere” e due vere

La Golf 8 si propone in ben 3 varianti mild hybrid, una abbinata al 1.0 TSI, con potenza da 110 CV, e due abbinate al 1.5 TSI, con potenze rispettivamente di 130 e 150 CV, e 2 varianti ibride plug-in, spinte invece dal 1.4 TSI (e non dal più moderno 1.5, come ci si sarebbe potuti attendere) con potenze di 204 e 245 CV. Quest’ultima, la più prestazionale di tutte, è indicata dalla sigla GTE.

Golf 8, la gamma mild hybrid e plug-in hybrid

Versione Powertrain Motore termico Potenza Batteria Standard di ricarica
1.0 eTSI mild hybrid 999 cc 110 CV - -
1.5 eTSI mild hybrid 1.498 cc 130 CV - -
1.5 eTSI mild hybrid 1.498 cc 150 CV - -
1.4 eHybrid PHEV 1.390 cc 204 CV 13 kWh CCS Tipo 2
1.4 eHybrid GTE PHEV 1.390 cc 245 CV 13 kWh CCS Tipo 2
Volkswagen Golf 8 (2019)

La più cattiva di tutte

La Golf GTE è spinta da un powertrain ibrido plug-in denominato eHybrid. Al quattro cilindri sovralimentato a benzina abbina un’unità elettrica con batteria da 13 kWh che le permette di raggiungere una potenza complessiva di 245 CV. Per la trasmissione, l'auto adotta un doppia frizione DSG a 6 marce comandato da una piccola leva “by wire” che libera parecchio spazio nella zona del tunnel centrale.

Volkswagen Golf 8 (2019)

Si riconosce dai dettagli

Dal punto di vista estetico la nuova Volkswagen Golf 8 GTE non si discosta molto dalle altre “8” ad alimentazione tradizionale. Cambia soprattutto davanti, dove compare un nuovo paraurti con una grossa bocca inferiore e inedite luci diurne a 5 led per lato. Sempre nel frontale, si nota il fregio blu che corre da parte a parte fin quasi ai passaruota anteriori. L'auto ha cerchi da 18” con finitura bicolore e uno sportellino per la ricarica sul lato anteriore sinistro. Al posteriore finti terminali di scarico per dare un tocco di cattiveria in più.

Volkswagen Golf 8 (2019)

Sedili sportivi e due grossi monitor

Dentro, la Golf 8 GTE si riconosce invece per i sedili sportivi con poggiatesta integrati e con rivestimento in tessuto a quadretti (storico richiamo alle GTI delle origini) con dettagli blu che richiamano la natura “elettrica” dell'auto. Resta invariata l'impostazione generale dell'abitacolo, con i due grossi schermi dedicati a strumentazione e infotainment che occupano buona parte della plancia, con le bocchette di areazione in posizione più bassa.

 

 

Fotogallery: Volkswagen Golf 8 (2019)