Maggior compressione e lock agli ammortizzatori anteriori e probabile irrigidimento dei posteriori: ecco come funziona

Il Launch mode, la modalità di partenza di Tesla, è in fase di evoluzione. Sembrerebbe che la stessa casa di Elon Musk cambierà ed evolverà per poter sfruttare al meglio i mezzi con sospensioni pneumatiche - dunque Model S e Model X - nella partenza da fermo. Secondo quanto riportato dall'account Twitter dell'informato @greentheonly, ci sarà una variazione dell'altezza anteriore, dunque una compressione delle sospensioni anteriori, regolando lo smorzamento per ottenere la miglior partenza possibile.

Non solo mondo auto

Si tratta di una soluzione che in ambito motociclistico è già utilizzato sia nel mondo motorcross che nel mondo MotoGP con un lock utilizzato sul mono-ammortizzatore. Nel caso di Tesla, questo assetto sarà chiamato "posizione del ghepardo".

 

Piantare l'anteriore

Anche nel mondo automobilistico però non si tratta di una novità assoluta. Lo sfruttamento della trazione non è una novità e ritorna in mente anche la Ferrari Enzo che aveva irrigidito le sospensioni posteriori per una frazione di secondo un istante prima e durante il cambio marcia per non destabilizzare l'auto. Dal momento però che Tesla non ha però ingranaggi, questa modalità di lancio permetterà di mantenere l'assale anteriore il più piantato possibile.

Posteriore più rigido?

La dinamica è molto semplice a ben vedere: con un lancio, uno scatto 0-100, il baricentro ovviamente tende a spostarsi indietro con le ruote anteriori che hanno la tendenza a scaricarsi. Il sospetto quindi, è che oltre ad una compressione "in lock" vi sia anche un irrigidimento delle posteriori in preparazione allo scatto.

Sarà così? Non appena potremo, cercheremo di metterlo alla prova in futuro. Voi cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra opinione qui nei commenti o sulla nostra pagina Facebook.

Fotogallery: Tesla Model S P100D+ Plaid nuovo record Nurburgring