Dopo l'annuncio dell'EPA riguardo la Lucid Air, Bloomberg ha voluto realizzare una prova di consumi reali. Come sarà andata a finire?

L'annuncio della Lucid Motors ha fatto tremare il percato delle auto elettriche. La startup americana, infatti, avrebbe fatto registrare un'autonomia di 517 miglia, pari a 832 km, per la sua Air, berlina extralusso a zero emissioni che sarà presentata a settembre.

Questo sul ciclo EPA. O meglio, su un ciclo analogo a quello EPA che viene effettuato dalla FEV North America, società a cui molte Case si rivolgono in attesa delle omologazioni ufficiali. 

160 km più della Tesla Model S

Sappiamo che sia il ciclo EPA sia l'NEDC e, in parte, il WLTP, difficilmente fotografano situazioni replicabili nella realtà, ma il valore annunciato dalla Lucid resta comunque da record. Basti dire che Tesla, qualche mese fa, si vantava di aver superato per prima, con la Model S Long Range Plus, la soglia delle 400 miglia di autonomia, che sono circa 643 km. 

La Lucid Air, che arriva sul mercato proprio come alternativa alla Tesla Model S, potrà contare su un bel vantaggio competitivo: oltre 160 km in più percorsi con una sola ricarica, almeno sulla carta. Si sa, infatti, che sul ciclo EPA si deve solitamente togliere circa il 20%.

Fotogallery: Lucid Air, concept official photo

Una sfida a tre, in condizioni reali

Allora, visto che proprio l'autonomia rappresenta uno dei fattori fondamentali di scelta quando ci si appresta ad acquistare un'auto elettrica, è giusto mettere a confronto tre auto che per prezzo, prestazioni e contenuti si contenderanno buona parte delle vendite nella categoria berline premium a batteria.

Lo ha fatto Bloomberg, che oltre alla Lucid Air e alla Tesla Model S non poteva non includere anche la Porsche Taycan in versione Turbo S, vettura con la quale Elon Musk ha più di un conto aperto (leggasi: contesa del record sul giro al Nurburgring per quattro porte a zero emissioni).

Fotogallery: Tesla Model S

Lucid batte tutti

Il test si è svolto così: le tre auto sono state caricate al 100% e sono state guidate in carovana fino a che non sono rimaste a secco di energia. Niente di più veritiero, insomma: stesse condizioni di traffico, stesse temperature, stessa strada.

Ebbene, alla fine proprio la Lucid Air è risultata la vettura con più autonomia. Ha percorso 734 km prima di fermarsi. Prima si era fermata da Tesla Model S, che non era andata oltre i 571 km, e prima ancora la Taycan Turbo S, parcheggiata a bordo strada dopo appena - si fa per dire - 380 km.

Questi i risultati nel dettaglio:

  • Lucid Air: 743 km (Autonomia EPA: 832 km)
  • Tesla Model S: 571 km (Autonomia EPA: 640 km)
  • Porsche Taycan: 380 km (Autonomia EPA: 309 km)

Il record è servito

Interessante, guardando i dati, notare come sia la Lucid Air sia la Tesla Model S abbiano effettivamente percorso meno strada di quanto dichiarato mentre la Porsche Taycan, per quanto ultima classificata, sia riuscita ad andare ben oltre i dati EPA.

Fotogallery: Porsche Taycan Turbo S

Sia quel che sia, tornando alla vettura vincitrice, possiamo dire con certezza che la Lucid Air abbia stabilito un nuovo primato di percorrenza tra le auto elettriche. Con buona pace di Tesla e dei suoi tanti fan che già insorgono in rete mettendo in discussione il risultato. 

Ed Elon Musk? Ancora non si è espresso. Ma siamo certi che è stato messo al corrente e che stia preparando una qualche contromossa. Che sia svelata durante il Battery Day del 22 settembre? C'è quasi da scommetterci...