Tesla è sinonimo di auto elettrica. Ma non mancano i casi in cui proprio le vetture della Casa di Palo Alto vengono utilizzate per sperimentare nuovi tipi di powertrain. 

L’ultima novità in questo senso arriva dalla Germania dove il ministro federale uscente della Ricerca, Anja Karliczek, ha recentemente svelato una Model Y definita “HyperHybrid”. L'auto, realizzata in via sperimentale, è alimentata a metanolo sintetico. Ma come funziona?

Un carburante a zero emissioni

La Tesla Model Y in questione ha subito un trapianto di powertrain: via il classico sistema a batteria per far posto a un generatore in grado di produrre elettricità direttamente dal metanolo sintetico; metanolo sintetico che, nel dettaglio, viene prodotto attraverso tecnologie di riciclo della CO2 emessa durante alcune attività industriali. L'energia necessaria al riciclo della CO2 e alla conseguente produzione di metanolo è generata attraverso l'uso di idrogeno verde, in modo da rendere tutta la catena il più ecosostenibile possibile. 

Stando a quanto dichiarato dal professor Robert Schlögl, direttore del Max Planck Institute for Chemical Energy Conversion e coordinatore del progetto Carbon2Chem, questa tecnologia sfrutterebbe i benefici sia dei powertrain elettrici, che sono altamente efficienti, sia dei carburanti sintetici.

 

Una "vetrina" da 10 milioni di euro

La Tesla Model Y alimentata a metanolo fa parte di un progetto molto più ampio chiamato Carbon2Chem, che mira a ridurre le emissioni di CO2 nell'industria dell'acciaio. Il veicolo, le cui modifiche sono costate circa 10 milioni di euro, è stato sviluppato e realizzato grazie alla collaborazione tra diverse realtà tra cui la Obrist DE, che ha lavorato con l'Università Tecnica di Monaco, l'Università Tecnica di Dresda e la RWTH Aachen.

Stando a quanto dichiarato dal ministro tedesco per la Ricerca, l’idrogeno, a patto che sia verde, sarà in prospettiva una soluzione chiave per combattere le emissioni di CO2. "La protezione del clima può avere successo solo con l'idrogeno verde - ha detto il ministro - Ecco perché stiamo già sostenendo la ricerca e siamo dell’idea che avremo sempre più bisogno di fonti di energia chimica in futuro”.

La Tesla Model Y alimentata a metanolo, infatti, ha come obiettivo principale quello di fare da apripista e da vetrina di innovazione. “I combustibili sintetici hanno un ruolo importante da svolgere nel rendere possibile in tutto il mondo un sistema di mobilità sostenibile e rispettoso del clima. Questo è importante nel trasporto marittimo e aereo, o dove una stazione di ricarica per l'auto elettrica potrebbe non essere sempre disponibile in futuro”, ha concluso Anja Karliczek.