La sorella "più bassa", la Tesla Model 3, era stata promossa con ottimi voti. Come se la caverà invece la Model Y nel famigerato test dell’alce?

Parliamo di quella particolare prova a cui sono sottoposte le auto per verificare come gestiscono eventuali pericoli che possono capitare tutti i giorni al volante. Coni sull’asfalto e sterzate improvvise per mettere alla frusta nello stretto la dinamica di una vettura.

Sempre più veloce

Eseguito e condiviso su YouTube dalla rivista online spagnola Km77, il test dell’alce è stato superato a pieni voti anche dal crossover elettrico della Casa californiana, che è risultato essere “una delle auto ad aver performato meglio durante la prova”.

Andato perfettamente a segno il primo tentativo, senza investire alcun cono a una velocità media di 73 km/h, la Model Y si è distinta anche nella seconda manovra, partendo da 82 km/h, attraversando gli ostacoli al centro del circuito a 64 km/h e uscendo dal labirinto a 21 km/h.

Bene anche lo slalom

Basta così? No, perché un secondo pilota di Km77 ha testato la vettura premendo un po’ di più il piede sull’acceleratore (83 km/h, 66 km/h, 31 km/h). Cosa ne è venuto fuori? Anche in questo caso, nessun cono è finito per terra, nonostante alcuni siano stati sfiorati. Apprezzati lo sterzo, la configurazione delle sospensioni e il controllo della trazione.

Tra una sgommata e l’altra, solo con una velocità iniziale di 84 km/h è stato abbattuto il primo ostacolo. Si passa quindi alla prova dello slalom, ma le cose non cambiano. Il crossover elettrico, appena arrivato in Italia, continua a sorprendere grazie alle sue performance.

Fotogallery: La Tesla Model Y arriva in Italia