Finalmente ci siamo. Dopo anni di speculazioni, ottobre potrebbe essere il mese giusto per vedere la prima auto firmata da Xiaomi. Ancora non c’è una data ufficiale, ma alcuni rumors riportati dai media cinesi parlano dell’11 novembre come potenziale debutto.

Dal colosso dell’elettronica non sono arrivate conferme, anche se gli analisti pensano che Xiaomi possa aver scelto questo giorno per presentare in contemporanea l’auto elettrica e il nuovo smartphone Xiaomi 14.

In produzione entro l’anno

L’auto di Xiaomi dovrebbe chiamarsi Modena e sarebbe già entrata in produzione, almeno come prototipo. Sempre dalla Cina, infatti, arriva un report che parla di una produzione di 50 prototipi a settimana nell’impianto di Pechino. Tuttavia, per la commercializzazione vera e propria, Xiaomi sarebbe in attesa dell’approvazione definitiva del Ministero dell’Industria e della Tecnologia, che potrebbe arrivare entro due mesi.

Le prime foto dell'auto elettrica di Xiaomi sfuggite in rete

Le prime foto dell'auto elettrica di Xiaomi sfuggite in rete

Intanto, è stato confermato ufficialmente che Xiaomi ha iniziato a reclutare nuovo personale per espandere lo stabilimento, anche se una vera ondata di nuove assunzioni sarebbe prevista entro fine 2023.

Batteria da 101 kWh

Poche settimane fa, Lu Weibing, il presidente di Xiaomi Corp, aveva confermato l’intenzione dell’azienda di avviare la produzione di massa entro la prima metà del 2024. Una volta sul mercato, la Modena (o MS11, altro nome possibile secondo vari rumors) dovrebbe avere una batteria agli ioni di litio da 101 kWh e un’architettura da 726,7 Volt.

L’accumulatore pesa 642 kg, mentre non ci sono dati tecnici relativi ad autonomie e potenze. Vista la capacità della batteria, comunque, è lecito attendersi percorrenze di almeno 500 km. Il prezzo? Secondo i media cinesi, si parlerebbe di almeno 300.000 yuan (circa 37.000 euro) per la versione di lancio. È ancora da capire se vedremo la Xiaomi in Europa nel prossimo futuro.

Fotogallery: Le prime foto dell'auto elettrica di Xiaomi sfuggite in rete