La strategia di espansione Tesla per costruire sempre più auto elettriche passa attraverso nuove Gigafactory e ampliamento di quelle esistenti. Il polo europeo, rappresentato dalla fabbrica di Berlino, per esempio, dovrebbe allargarsi nei mesi a venire.

Secondo quanto riportato dalla stampa estera, Tesla vorrebbe acquistare 100 ettari di terreno nella foresta a est dell’impianto, che già ora si sviluppa su un’area di 300 ettari. Il nuovo appezzamento ospiterà uno scalo merci, un’area logistica e un complesso per la formazione dei dipendenti. Ma, per avere il via libera definitivo sull’avvio dei lavori, la Casa vuole prima parlare con i residenti.

La riunione del 14 gennaio

In Elon Musk e soci è ancora vivo il ricordo delle diatribe con le associazioni ambientaliste e le autorità locali, che hanno fatto ritardare di mesi la costruzione e l’avvio della produzione di Giga Berlin. Quindi la soluzione migliore per Tesla è quella di parlare con i soggetti che potrebbero avere delle rimostranze sull’ampiamento per confrontarsi in modo – si spera – costruttivo.

La riunione è stata fissata per il 14 gennaio 2024, presso la stessa Gigafactory. La Casa ha invitato i residenti e organizzerà un sondaggio tra i cittadini per tastare il polso alla popolazione locale. Il voto non sarà vincolante, ma rappresenterà comunque un modo per valutare la fattibilità del progetto.

Le prime Model Y prodotte da Tesla nella Gigafactory di Berlino

Le prime Model Y prodotte da Tesla nella Gigafactory di Berlino

Raddoppiare la produzione

I lavori di ampliamento della fabbrica tedesca sono necessari per preparare il terreno all’arrivo della Model 2, la baby-Tesla che avrà un costo di partenza di circa 25.000 euro. Con l’arrivo di questo modello, la Gigafactory di Berlino, che attualmente produce la sola Model Y, costruirà anche la Model 2.

Dopo il confronto con la popolazione, Tesla dovrà comunque ottenere le autorizzazioni necessarie all’ampliamento da parte delle autorità tedesche. Solo dopo un ok preliminare da parte di quest’ultime la Casa procederà all’acquisto dell’area boschiva adiacente alla fabbrica.

Fotogallery: Tesla Model 2 (2025), il render di Motor1.com