La prima elettrica del brand inglese ha completato un giro del Nurburgring sfruttando solo il sistema di recupero dell'energia

Nuove notizie dal Nürburgring. Questa volta però non si tratta dell'ennesimo tentativo di record sul giro. Mentre tutti i produttori cercano di abbassare il tempo di percorrenza sul mitico Nordschleife, MINI ha deciso di andare controcorrente e con la nuova Cooper SE, la prima elettrica del brand inglese, ha deciso di puntare sull'efficienza, più che sulla velocità.

Un giro senza mai usare i freni

Un esemplare di MINI Cooper SE ha infatti completato un giro dell'Inferno Verde senza mai utilizzare il pedale del freno. Come è stato possibile? Semplice, sfruttando al massimo il sistema di recupero dell'energia di cui la macchina è dotata. Invertendo il suo funzionamento, in fase di rilascio il motore elettrico è in grado di recuperare energia. Nel farlo, il sistema rallenta la vettura agendo su di essa un po' come il freno motore di un'auto ad alimentazione tradizionale. Sulla MINI, inoltre, l'intensità del recupero dell'energia è tarabile su due livelli e, naturalmente, più è elevato il recupero di energia, maggiore è l'effetto frenante che questo ha sul veicolo. In questo modo, sfruttando il livello più basso, il pilota ha potuto affrontare le curve più veloci, mentre per approcciare quelle più lente è passato al secondo livello.

Mini Cooper SE al Nurburgring

Una dimostrazione di efficienza

Affrontare un giro completo del Nürburgring Nordschleife senza mai utilizzare i freni non ha di certo permesso alla MINI di mettersi in luce per il tempo sul giro, tuttavia, ha dato una concreta dimostrazione di quanto possa essere efficiente e funzionale il sistema di recupero dell'energia. Si parla spesso di quanto le auto elettriche stanno modificando il nostro modo di guidare e quanto fatto da Mini sul Ring ne è l'ennesima dimostrazione. 

Fotogallery: Mini Cooper SE al Nurburgring