L'ente di vigilanza finanziaria ha approvato il piano di partecipazione dei sostenitori agli utili. E la raccolta tocca i 14 milioni

Quasi tutte le startup hanno come obiettivo iniziale quello di trovare finanziatori che consentano loro di sviluppare le idee e portarle alla produzione. Ma questo, in molti casi, significa di fatto consegnare il proprio sogno nelle mani di altri e perdere autonomia decisionale. Per questo, i fondatori della Sono Motors, piccola azienda che due anni fa ha annunciato la Sion, piccola auto elettrica dotata di pannelli solari, hanno scelto di rivolgersi direttamente al pubblico.

Sono Motors Presents Sion Solar-Powered Car In Fully Charged: Video

All'inizio di questo mese, la piccola azienda ha deciso di interrompere le trattative con i possibili finanziatori e avviare una campagna di crowdfunding per raccogliere i fondi necessari all'avvio della produzione, promettendo agli acquirenti che hanno o avranno sottoscritto una prenotazione versando i dovuti anticipi di diventare non solo clienti ma anche "azionisti" dell'azienda.

Il governo approva

L'iniziativa ha appena avuto il benestare della BaFin, l'autorità tedesca di vigilanza finanziaria, che ha approvato il programma di partecipazione della "community" ai profitti dell'azienda. Per ottenerlo, i fondatori, che detengono un pacchetto del 64%, hanno rinunciato ai loro diritti sugli utili, mettendoli a disposizione della comunità.

Sono Motors Sion Produktion

50 milioni per cominciare

L'obiettivo della campagna di finanziamento popolare è raccogliere una cifra non inferiore ai 50 milioni di euro entro la fine dell'anno. Un traguardo decisamente ambizioso, anche se ad oggi, secondo quanto dichiara la stessa Sono Motors, le sottoscrizioni avrebbero già superato il migliaio per un ammontare complessivo di oltre 14 milioni di euro, ovvero un terzo circa della somma prefissata.

Va sottolineato che si tratta della terza campagna di crowdfunding lanciata da questa intraprendente realtà, dopo quelle del 2016 e 2018 che hanno permesso di portare a termine la progettazione e la messa a punto della vettura.

Sono Motors si avvia quindi a diventare la prima casa automobilistica a finanziamento popolare, scelta fondamentale, secondo i fondatori stessi, per conservare intatto l'obiettivo di partecipazione attiva alla mobilità sostenibile, obiettivi che non sarebbero potuti essere garantiti con l'ingresso di grandi finanziatori le cui finalità non erano del tutto allineate.

Sono Motors Sion Produktion

Il CEO e co-fondatore della startup, Jona Christians, ha affermato: "Ci consideriamo un'azienda basata sui valori e sulla responsabilità. Questo ci impone di considerare i nostri sostenitori non semplici clienti ma parte integrante di Sono Motors. Sono loro a rendere possibile questo progetto e nel farlo danno pubblicamente un segnale di quanto siano urgenti e necessari la trasformazione dei trasporti e il passaggio alla mobilità sostenibile, che preserva le risorse"

 

Fotogallery: Sono Motors Sion