Il team che presenterà l'idea più interessante vincerà i biglietti per l'E-Prix di Roma: ecco come funziona l'EV-charging challange

ABB guarda ai giovani per disegnare il futuro della eMobility. Il colosso svizzero ha lanciato infatti dai suoi canali social l'EV-charging challange, un concorso rivolto agli studenti di ingegneria per premiare idee e progetti innovativi nel campo delle infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici.

In palio ci sono i biglietti per assistere all'E-Prix di Roma del prossimo 4 aprile. Ma vediamo come funziona il concorso.

L'obiettivo del concorso

ABB sottolinea che bisognerà concentrarsi su soluzioni facili da usare e in grado di massimizzare la sostenibilità. Come? Ad esempio riducendo quanto più possibile l'impatto sul sistema elettrico o ipotizzando magari funzioni di accumulo dell'energia.

Il progetto, chiarisce l'azienda, deve essere breve e chiaro, oltre a venire presentato esclusivamente in lingua inglese. Le linee guida sono all'insegna della sintesi: ogni gruppo di studenti potrà presentare al massimo 4 slide in Power Point. La prima dovrà contenere il titolo del progetto e i nomi dei componenti del team, la seconda una panoramica dell'idea e degli obiettivi perseguiti, la terza un focus tecnologico e di fattibilità e la quarta il potenziale ruolo di ABB in termini di nuovi prodotti e innovazione.

Tempo fino al 6 marzo

Come si legge nel form di iscrizione, i partecipanti dovranno illustrare il progetto - naturalmente in inglese - in un file audio della durata massima di tre minuti utilizzando la funzione "Record Slide Show" di PowerPoint.

Tutto il materiale andrà inviato via mail entro il 6 marzo alle 12 all'indirizzo it-futureofwork@abb.com.

Fotogallery: Formula E Gen2 EVO