Ispirato alla concept e-Evolution del 2017 arriverà in autunno: forse su base CMF-EV o forse in collaborazione con una Casa cinese

Anche Mitsubishi, sull’onda della transizione energetica sposata dalle altre due Case dell’Alleanza, sarebbe pronta a presentare un’auto elettrica di nuova concezione. Come Renault e Nissan, che si preparano ad un 2021 incentrato su modelli elettrici come la Megane eVision e la Ariya, la Casa dei Tre Diamanti potrebbe portare al debutto una vettura a batteria.

La notizia arriva dal Giappone, da fonti non ufficiali. Mitsubishi sarebbe pronta a presentare un crossover elettrico ispirato alla e-Evolution concept del 2017, vettura a zero emissioni che reinterpretava le forme della sportiva Lancer Evolution sotto forma di SUV a zero emissioni.

Pronta alla produzione

Di sicuro, guardando alla concept di tre anni fa, dovrà per forza di cose smussare alcuni elementi di stile che sembrano esagerati e (soprattutto) difficili da inserire in un modello prodotto in serie.

Fotogallery: Mitsubishi e-EVOLUTION Concept

Secondo Spyder 7, ad esempio, la versione di produzione avrà porte ad apertura convenzionale anziché quelle con apertura ad armadio, un montante anteriore meno inclinato e un posteriore dalle linee meno scolpite.

500 km di autonomia

A quanto pare, il nuovo crossover elettrico Mitsubishi avrà autonomia di circa 500 km con una sola ricarica. Proprio questo dato fa pensare che possa essere realizzato sulla base della piattaforma CMF-EV che proprio la Nissan Ariya porterà al debutto.

Ma non si esclude che l’auto, attesa per il prossimo autunno, possa invece nascere dalla collaborazione tra Mitsubishi e uno dei suoi partner cinesi. La Casa, infatti, collabora con diverse realtà che hanno sede all’ombra della Grande Muraglia e non è detto che le sfrutti proprio per dar vita alla prima elettrica di nuova generazione in programma.