Hyundai vira con ancor più decisione verso l’elettrico. Non che la Casa coreana non avesse già sposato la transizione energetica. Anzi: con l’arrivo della nuova piattaforma E-CMP e di modelli come la Ioniq 5 (a proposito, proprio per dare risalto alla propria gamma a zero emissioni si è inventata anche un nuovo brand), ha mostrato di credere molto nell’elettrificazione.

Ora Reuters riporta le dichiarazioni di fonti vicine ai vertici Hyundai, secondo cui ai piani alti si è deciso di ridurre gli investimenti sulle auto a motore termico per accelerare lo sviluppo di nuove soluzioni legate a modelli a batteria. La mossa porterebbe a una riduzione del 50% delle auto diesel e benzina di Hyundai nei prossimi anni.

Tutto sulle zero emission

“La nuova allocazione delle risorse – avrebbe detto la fonte senza rilevare le tempistiche precise con cui si susseguiranno le varie tappe – permetterà a Hyundai di concentrarsi su motori elettrici, batterie e fuel cell”. Hyundai, dal canto proprio, non ha commentato ufficialmente la questione, ma in una comunicazione recente ha spiegato di essere effettivamente in procinto di accelerare sui veicoli a zero emissioni, sia elettrici che a idrogeno.

La Casa ha anche affermato di voler ampliare l’offerta di vetture ad alimentazione alternativa in mercati chiave come gli Stati Uniti, dove c’è la volontà di rafforzare la propria presenza. Con questo nuovo percorso, la Casa ha l’obiettivo di vendere 1 milione di elettriche entro il 2025 (includendo marchi come Genesis e Kia) e di arrivare al 2040 (che non è proprio dietro l’angolo) con una produzione interamente a zero emissioni.

Hyundai: nasce il marchio Ioniq per le auto elettriche

Un percorso comune

Intanto, Hyundai ha già iniziato a frenare sullo sviluppo di nuovi propulsori endotermici. È una scelta comune a molti costruttori, tutti più o meno concentrati sull’espansione nel campo dell’elettrico e tutti spaventati da una normativa Euro 7 che richiede investimenti particolarmente ingenti per il raggiungimento degli obiettivi.

Lo stesso stanno facendo a loro modo PSA e Mercedes, mentre molti altri, come Volvo o Ford, hanno già spiegato che avranno in produzione solo auto elettriche entro il 2030. Hyundai, di recente, aveva detto che avrebbe portato da 21 a 14 i modelli a benzina venduti in Cina e che avrebbe presentato almeno una nuova auto a zero emissioni all’anno a partire proprio dal 2021.