Appendici aerodinamiche in carbonio, cerchi da 22" e sospensioni pneumatiche con assetto specifico: il risultato è sorprendente

Avete mai visto una Porsche Taycan dal vivo? È davvero cattiva: bassa, larga, filante: chiamarla berlina è riduttivo. Però un tocco di cattiveria in più non ci sta male per niente. E non ci riferiamo a quelle operazioni di tuning in cui si tende a rendere le cose un po’ eccessive, con pacchetti aerodinamici esagerati e ritocchi all’estetica che rovinano il lungo lavoro dei designer.

A volte bastano poche modifiche mirate e l’auto, in effetti, ci guadagna. È il caso, ad esempio, di Vivid Racing, tuner che ha presentato un kit di personalizzazione per la Porsche Taycan in cui la filosofia è proprio quella del “less is more”.

Un progetto coerente

La cosa bella di questo kit è che guardandolo viene da pensare che possa far parte della linea accessori originale della Casa. Una delle tante opzioni che Porsche mette a disposizione dei propri clienti. Invece arriva da un’altra azienda, la Vivid Racing appunto, che ha iniziato a progettare questi profili in fibra di carbonio più di un anno fa.

Prima che potesse realmente mettere le mani su un primo esemplare dell’elettrica di Stoccarda. Poi, grazie a una concessionaria dell’Arizona, l’officina statunitense è riuscita a vedere dal vivo una Taycan. Una Turbo, per la precisione, che fortunatamente non ha fatto la stessa fine di quella ritirata in Russia quest'inverno. L’ha misurata con estrema precisione attraverso scansioni in 3D e così ha potuto ricavare informazioni esatte su ogni pannello di carrozzeria dell’auto originale.

Porsche Taycan di Vivid Racing

Accessori stampati in 3D

Poi, misure alla mano, ha definito gli elementi del kit disegnando pezzi che esaltassero le linee della Taycan e, una volta terminata la progettazione, ha avviato la produzione, attraverso la stampa 3D.

Il kit aerodinamico della Vivid Racing comprende un’appendice all’estremità inferiore del paraurti anteriore, minigonne laterali e un diffusore posteriore. C’è anche uno spoiler che allunga il profilo del portellone posteriore e che ricorda i classici alettoni a coda d’anatra di alcune famose 911 del passato e che fu usato per la prima volta sulla stupenda 911 Carrera RS 2.7 del 1972. A proposito, la Taycan si appresta a superare la 911 in termini di volumi di vendita.

Vivid Racing vende il kit completo o le singole parti, così che ogni cliente può decidere il grado di personalizzazione della sua Taycan. Oltre agli elementi della carrozzeria, il tuner americano ha realizzato anche cerchi in lega da 21” o 22” con finitura nera lucida o in carbonio. Disponibili in diverse finiture e con diversi disegni possono essere montati da soli, o in abbinamento ad un assetto sportivo con sospensioni pneumatiche.

Fotogallery: Porsche Taycan by Vivid Racing