Hyundai ha dichiarato che investirà in Corea del Sud la bellezza di 15 miliardi di euro per sostenere la transizione verso una gamma interamente elettrica. L’obiettivo è quello di arrivare a produrre come gruppo (Hyundai e Kia) 1,44 milioni di auto elettriche nel Paese entro il 2030.

La produzione interna peserebbe per circa il 45% del totale delle auto a zero emissioni prodotte dal gruppo entro la fine del decennio, visto che Hyundai Motor Group ha ambizione di arrivare a un totale di 3,23 milioni di vetture a batteria, proprio nel 2030.

Investimenti anche negli USA

Hynudai non guarda soltanto in casa. Il gruppo sudcoreano, infatti, ha annunciato anche di aver stanziato quasi 7 miliardi di euro per la costruzione di una nuova fabbrica nello stato americano della Georgia. La notizia, che era nell’aria da giorni, è stata confermata in via ufficiale dal governatore Brian Kemp, che ha dato l’annuncio proprio nel giorno della visita nello stato del presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Secondo quanto riportato dall’Atlanta Journal Constitution, il nuovo stabilimento, che sorgerà nei pressi della città di Savannah, creerà 8.500 posti di lavoro.

 

A tutto elettrico

Il nuovo polo produttivo di Savannah, la cui nascita era stata annunciata durante l'ultimo Salone di New York, si concentrerà principalmente sulla produzione di auto elettriche, ma non è detto che per i primi anni di attività non dedichi alcune linee anche a modelli a combustione interna.

Hyundai, su questo, non ha ancora preso una posizione ufficiale, ma si pensa che la decisione su come organizzare la produzione sarà presa in un secondo momento, anche in base all’evoluzione del mercato statunitense sul tema delle zero emissioni.

Fotogallery: La piattaforma E-GMP di Hyundai