Alla settantanovesima edizione di Eicma, storica fiera milanese dedicata al mondo delle due ruote, si accendono i riflettori sul Maxiscooter, primo frutto della partnership tra VMoto Soco Group e Pininfarina. L'azienda australiana, infatti, si è rivolta al designer italiano per la definizione delle linee di un inedito concept elettrico che fa dell'aerodinamica il suo principale punto di forza.

La collaborazione tra le due aziende non è casuale. VMoto è tra i player principali a livello mondiale nello sviluppo di modelli a due ruote alimentati a batteria, mentre Pininfarina, potendo contare su una galleria del vento interna all'azienda, negli anni ha sviluppato profonde conoscenze sul fronte dell'aerodinamica.

Disegnato dal vento

La VMoto è tra i primi costruttori a porre l'attenzione ai concetti aerodinamici applicati a modelli elettrici a due ruote. Fino a questo momento, il focus dei costruttori si è concentrato sull'efficienza delle batterie e sul contenimento dei pesi. Grazie alla partnership con Pininfarina, VMoto esplora un nuovo approccio allo sviluppo di una due ruote elettrica.

Foto - Vmoto Maxiscooter

Il Maxiscooter, infatti, è un concept che sfoggia linee inedite per il marchio e che anticipa il linguaggio stilistico dei prossimi modelli del costruttore australiano in cui l'aerodinamica la farà da padrona. Qui la forma segue la funzione, per contenere il più possibile il cx del modello ed aumentare così l'autonomia dello scooter.

Batteria supplementare

A proposito di autonomia, l'introduzione di una batteria esterna supplementare, integrata nelle forme, aumenta i chilometri che è possibile percorrere con un "pieno di energia" e ne distingue ulteriormente il carattere estetico conferendogli un aspetto che rimanda maggiormente al mondo delle moto, piuttosto che a quello degli scooter.

Fotogallery: Foto - Vmoto Maxiscooter