Il mondo della nautica sta subendo una graduale trasformazione. Potremmo definirlo un "cambio di rotta" a tutti gli effetti, che sta facendo riscoprire il settore del diporto a tanti appassionati che fino a oggi, per svariati motivi, non avevano ancora acquistato una barca.

La rivoluzione elettrica, in questo senso, sta colpendo infatti anche il mare, con diversi produttori che nel corso del 2022 hanno presentato le loro declinazioni a zero emissioni di motori fuoribordo, cioè quelli dedicati - nella maggior parte dei casi - alle barche da diporto.

Un esempio è il Mercury Avator 7.5e, che personalmente ho avuto modo di vedere e toccare con mano all'ultimo Salone Nautico di Genova e che potrebbe potenzialmente essere perfetto per abbattere le emissioni delle piccole barche da uscita giornaliera, come i gommoni extra compatti o le barche più leggere, come l'ultima arrivata in questo mondo; la Veer X13. Vediamo come è fatta.

Compatta e funzionale ma bassa

Per capire realmente il fine di una barca, la prima cosa da fare è analizzarne la forma. Guardando le prime foto ufficiali della Veer X13, appare ben chiaro che si tratta di un'imbarcazione da lago, o comunque da acque estremamente calme.

Questo per via di alcune caratteristiche tecniche tipiche di imbarcazioni dedicate alle cosiddette "acque chiuse". Chi conosce il settore nautico, infatti, potrebbe riconoscere nel design di questa piccola barchetta un po' di Boston Whaler, imbarcazioni dal fondo piuttosto piatto nate negli Stati Uniti per attraversare i grandi laghi del nord.

Ma l'assenza di carena a V è solo la prima di una serie di caratteristiche tipiche di un battello non pronto ad affrontare le onde. Il secondo aspetto da guardare è la ridotta altezza interna e la completa assenza di una vera e propria falchetta superiore (il bordo ultimo in cima alla murata, il lato della barca).

La Veer X13 in Italia, quindi, potrebbe essere ben sfruttata sui laghi interni, magari per andare a pesca o per godersi una bella giornata di sole.

La Veer X13

Il progetto della Veer X13

Trovato lo scopo, veniamo alle qualità "pratiche" di questa piccola barca. Sempre analizzando le prime foto, si nota chiaramente la presenza di un pratico rivestimento gommato anti-scivolo per il fondo, unito a una panchetta posteriore con un profondo gavone al di sotto, utile per esempio per stivare oggetti.

Spostandoci a prua, rivestito sempre dello stesso materiale antiscivolo del pavimento inferiore, trova posto un prendisole dalle dimensioni - apparentemente - piuttosto ridotte, con una comoda cinghia ferma carico sull'estremità.

La Veer X13

La Veer X13

Il motore a zero emissioni

Venendo però all'aspetto più interessante del progetto, la Veer X13, secondo le prime informazioni rilasciate dalla Casa, può essere configurata in abbinamento al nuovo motore a zero emissioni di Mercury dedicato al diporto, l'Avator 7.5e.

Si tratta di un 7,5 CV (750 watt di picco) a piede medio (l'altezza), leggero (sulla carta) e funzionale, che fin dal suo esordio ha subito convinto parte del pubblico, pur con una fondamentale domanda rimasta in sospeso; quel'è il suo scopo? Cioè a quale tipologia di barca è dedicato?

Questo per un problema abbastanza importante, l'autonomia. Trattandosi di un primo progetto, nonostante un'efficiente elica a tre pale, gli ingegneri statunitensi sono riusciti a ricavare dalla compatta batteria da 1 kWh solo 45 minuti di "percorrenza" in acque calme, ben pochi considerando le ridotte velocità nautiche.

Come per i piccoli droni attualmente in commercio, però, il produttore ha sviluppato un'interessante soluzione per ampliare questo dato; cambiare la batteria con un'altra di ricambio, un'operazione che può essere compiuta direttamente in acqua in pochi secondi.

La Veer X13

Il battery swap sul Mercury Avator 7.5e

Oltre ai piccoli gommoni - simil Tender - a paiolato (il fondo) rigido o pneumatico quindi, questo piccolo Mercury potrebbe davvero essere il motore giusto per spingere con disinvoltura i poco meno di 4 metri della Veer X13, i cui prezzi americani nella versione con motore termico partono da 11.995 dollari, pari al cambio attuale a 11.092 euro, non molti per il settore, ma nemmeno pochi se paragonati, per esempio, a un gommone di simili dimensioni.

Fotogallery: Foto - Veer X13, la barca da lago con il Mercury Avator 7.5e