L'espansione europea di BYD procede a grande velocità. Dopo aver presentato tre nuovi modelli alla fine del 2022, la Casa cinese mira a decentralizzare la produzione in Europa. Per farlo, ciò di cui ha bisogno è uno stabilimento produttivo già pronto.

Un'ipotesi potrebbe essere l'acquisto della fabbrica Ford di Saarlouis, nell'ovest della Germania, vicino al confine con il Lussemburgo. Un sito storico per l'Ovale Blu, che da molti anni produce lì la compatta Focus.

Passaggio di proprietà

L'indiscrezione è stata riportata dal Wall Street Journal, che ha menzionato anche il fatto che i dirigenti Ford sarebbero pronti a recarsi in Cina, per trovare un accordo, nel corso della prossima settimana. Ma perché la Casa americana sarebbe interessata a cedere un impianto così importate?

Una delle possibili risposte potrebbe essere trovata nell'annuncio della fine - definitiva - della produzione della Focus nel corso del 2025, quindi tra circa due anni. Una decisione presa per permettere di concentrarsi al meglio sullo sviluppo e sulla vendita di auto completamente elettriche e di furgoni commerciali leggeri.

La fabbrica di Saarlouis attualmente impiega circa 4.600 lavoratori e non è ancora chiaro se l'ipotetica cessione prevedrà un numero indefinito di licenziamenti.

Ford costruisce la 150.000 Mustang Mach-E - 30 novembre 2022

Ford, la produzione della 150.000 Mustang Mach-E

Altri investitori

Nel frattempo, sempre il Wall Street Journal ha riportato anche che, oltre a BYD, ci sarebbero altri 15 investitori pronti a prendere le redini dello stesso impianto al posto di Ford, ma in merito non sono stati rivelati i termini precisi.

Quel che è certo è che la Casa sta subendo in questo periodo una profonda rivisitazione a livello strategico e produttivo, qualcosa che nei prossimi anni cambierà completamente la filosofia del Brand, rivoluzionandola con una cospicua dose di elettrificazione e tecnologia.

La video prova di Motor1.com

Per saperne di più sulla BYD Atto 3, l’elettrica cinese che vuole conquistare l'Europa (Italia compresa), vi consigliamo di leggere l'articolo pubblicato su Motor1.com, nel video trovate le nostre prime impressioni.