Volkswagen ha appena presentato un nuovo motore elettrico per le auto che nascono sulla piattaforma MEB. Si chiama APP550 ed è un’unità propulsiva che verrà montata sull’asse posteriore. Progettata da zero, promette prestazioni maggiori e anche migliore efficienza.

Il motore, che viene prodotto nella fabbrica di Kassel e che debutta sulla ID.7, eroga infatti una potenza massima di 286 CV e una coppia di 550 Nm. Sui modelli attuali, l’unità più potente disponibile non va oltre i 203 CV e i 310 Nm.

Tutte le migliorie apportate

L'APP550 raggiunge l'elevata coppia grazie a uno statore migliore, dotato di un più elevato numero di avvolgimenti e una sezione dei fili più grande. Allo stesso tempo, ha anche involucri più sottili per ottimizzare l’uso dei materiali.

Il motore è innovativo, inoltre, per il diverso layout con tutti i componenti integrati in un unico modulo. Comprende il propulsore vero e proprio, il rotore, lo statore e la camicia di raffreddamento, Tutti questi componenti sono stati ulteriormente messi a punto.  

Il nuovo motore elettrico Volkswagen da 286 CV e 550 Nm

Il rotore è dotato di un magnete permanente più potente e con maggiore capacità. L'azionamento è stato rinforzato per far fronte alla coppia risultante. Per migliorare le prestazioni e l'efficienza, anche l'inverter è stato adattato, secondo VW con l'obiettivo di "fornire le elevate correnti di fase".

Una diversa gestione delle temperature

La maggiore efficienza è raggiunta anche grazie a una migliore gestione termica. Nel sistema di raffreddamento dell'unità motrice, gli ingegneri hanno rinunciato completamente a una pompa dell'olio azionata elettricamente (che avrebbe ovviamente consumato elettricità). Hanno scelto un sistema in grado di "raffreddarsi attraverso le ruote dentate della trasmissione e i componenti appositamente sagomati per il trasferimento e la distribuzione dell'olio". Inoltre, lo statore è dotato di una camicia di raffreddamento ad acqua.

Il nuovo motore elettrico Volkswagen da 286 CV e 550 Nm

A ciò si aggiungono le ottimizzazioni dell'ingegneria meccanica classica: gli ingranaggi elicoidali levigati e di forma speciale riducono ulteriormente le perdite, mentre nell'alloggiamento del riduttore è presente un cuscinetto diverso ad attrito ridotto.

Più prestazioni, stessi ingombri

"Poiché lo spazio disponibile non è cambiato, siamo stati costretti a sviluppare un nuovo motore in grado di ottenere miglioramenti significativi in termini di prestazioni ed efficienza, pur essendo soggetto agli stessi vincoli che avevamo sulle unità precedenti - ha detto Karsten Bennewitz, responsabile dei sistemi di trasmissione e di energia nello sviluppo tecnico -. È stata una grande sfida per il team che si è occupato dello sviluppo. Il risultato dimostra che siamo stati in grado di ridurre l'uso di materie prime, ottenendo allo stesso tempo un prodotto notevolmente migliore".

VW ID.7 (trasmissione coperta)

La VW ID.7, considerata la sostituta elettrica della Passat

Di conseguenza, i modelli ID (e anche i veicoli MEB degli altri marchi del Gruppo) dovrebbero essere in grado di raggiungere anche un'autonomia maggiore con batterie di pari dimensioni. Volkswagen per ora conferma solo che le prime auto dotate di questi nuovi motori da 286 CV arriveranno a partire da fine anno. Dopo la ID.7, potrebbe beneficiarne anche qualche versione sportiva dei modelli esistenti. Si pensa, per esempio, a una ID.3 GTX a trazione posteriore riceverà in seguito questa variante di propulsione.

Fotogallery: Volkswagen presenta il motore elettrico da 286 CV