Tesla ha annunciato l’avvio della costruzione della nuova Gigafactory in Messico parecchio tempo fa. Nell’estate del 2022 si è iniziato a parlare di una fabbrica nello Stato dell’America centrale e, a febbraio di quest’anno, la Casa ha anche detto dove sarebbe stata costruita.

L’impianto, che ha un ruolo chiave nella politica di espansione della Casa, essendo quello dove saranno assemblate le auto di nuova generazione (dalla Model 2 al robotaxi, per capirci), sarebbe dovuto diventare operativo in tempi brevi. Invece non è ancora stata posata neanche la prima pietra. Come mai?

Una trattativa serrata

Il fatto è che Tesla e il Governo dello Stato di Nuevo Leon si stanno ancora confrontando per definire una serie di aspetti secondari ma necessari riguardanti la Gigafactory. Elon Musk e soci, per esempio, chiedono migliori infrastrutture.

Tesla vuole strade, ferrovie, centrali elettriche e idriche: tutto quello che aiuti l’impianto a funzionare correttamente insomma. Samuel Garcia, governatore locale, ha rivelato che le autorità aiuteranno la Casa a ottenere quello che vuole, ma che si devono definire ancora numerosi dettagli riguardo a queste questioni, così da poter calcolare correttamente anche l’investimento necessario a soddisfare le richieste.

Tesla Giga Texas (Gigafactory 5) - Controllo di qualità modello Y (rapporto Tesla Q3 2021)

Tesla Model Y escono dalla fabbrica di Austin, in Texas

Il Governo dello Stato di Nuevo Leon, in ogni caso, si dimostra collaborativo. In una recente dichiarazione ha ribadito di essere pienamente consapevole dell’importanza della Gigafactory per migliorare la situazione economica ed occupazionale della regione.

Uno stabilimento a tempo di record

Una volta definiti questi aspetti, Tesla è fiduciosa sul fatto che costruirà la fabbrica in pochissimo tempo. Elon Musk ha affermato che dal momento dell’avvio dei lavori all’entrata in funzione passerà ancor meno tempo di quello che è stato necessario per la Gigafactory di Shanghai (9 mesi).

Se fosse veramente così, allora Tesla non sarebbe in ritardo sui piani, visto che ha affermato che i modelli basati sulla nuova piattaforma saranno messi in commercio nel 2025.

Intanto, in rete si trova un servizio di una televisione messicana che l'11 agosto ha annunciato che i lavori di costruzione dell'impianto erano effettivamente iniziati, ma dalle immagini trasmesse si vede solo un piccolo spiazzo sterrato e niente più.

Fotogallery: Tesla Model 2 (2025), il render di Motor1.com