In questi ultimi anni i veicoli elettrici sono diventati sempre più popolari in tutto il mondo e come sappiamo bene la Cina riveste in questo settore un ruolo molto importante, basti pensare alle materie prime per le batterie. Aziende come BYD sono all'avanguardia in materia e, oltre a investire sempre di più in ricerca e sviluppo, stringono alleanze strategiche.

La più recente coinvolge la startup di moto elettriche Scorpio, nata a Singapore e traslocata in Cina dopo questa partnership.

Obiettivo: il Sud-Est asiatico

Scorpio ha siglato un accordo con BYD per contribuire a introdurre le due ruote elettriche del marchio nel mercato ASEAN (sigla di Association of South East Asian Nations, organizzazione creata nel 1967 allo scopo di contribuire allo sviluppo economico, sociale e culturale dei paesi del Sud-Est asiatico, assicurando al contempo la stabilità dell’intera regione).

Secondo un rapporto di Nikkei Asia, Scorpio sta puntando su tutti quei Paesi che stanno adottando rapidamente il passaggio all'elettrico. In particolare, negli ultimi anni c'è stata un'impennata nell'adozione della mobilità elettrica in Indonesia, grazie soprattutto a Maka Motors, e nelle Filippine, dopo l'ingresso nel Paese dell'azienda taiwanese Gogoro.

Vantaggi su più fronti

BYD ha dimostrato di essere uno degli attori più forti nel panorama dei veicoli elettrici a livello globale. In tutto il Sud-Est asiatico può contare su una rete di vendita ben strutturata e Scorpio potrebbe sfruttare le sue concessionarie per espandere la propria presenza sul mercato, visto che il lancio del nuovo scooter elettrico X1 è prossimo. Inoltre, secondo Nikkei Asia la collaborazione con BYD porterà presto una ventata di novità su due ruote.

Scorpio Electric sta ora testando i prototipi di pre-produzione dello scooter elettrico X1

Lo scooter elettrico X1

Oltre a sfruttare l'ampia rete di BYD su più mercati, la partnership prevede che le due ruote elettriche di Scorpio adottino le batterie BYD. Per questo Scorpio ha trasferito la propria sede a Shenzhen, in Cina, dove si trova il quartier generale di BYD. In questo modo le due aziende lavoreranno a stretto contatto e ci sarà anche un miglior controllo sulla qualità dei prodotti.