Le Case cinesi stanno spingendo per conquistare consistenti fette di mercato in Europa. Hanno capito che, per raggiungere gli ambiziosi obiettivi di vendita, devono accorciare la filiera. Per questo motivo vogliono venire a produrre in loco.

Un ruolo fondamentale potrebbe essere giocato da Magna Steyr, colosso austriaco specializzato nella produzione di automobili per conto terzi che ha confermato di aver avviato diverse trattative con altrettanti costruttori provenienti dal Paese del Dragone.

Si temono i dazi

Tra i motivi che stanno spingendo la produzione in Europa c’è anche la paura che le autorità del Vecchio Continente adottino tariffe protezionistiche che potrebbero danneggiare proprio chi produce auto in Cina.

Magna, dal canto proprio, ha bisogno di nuovi clienti. Dopo aver congelato la produzione della Fisker Ocean a causa dei problemi finanziari che il costruttore americano sta affrontando, ha spazio per nuove auto. Almeno fino al 2026, anno in cui dovrebbe iniziare a produrre i fuoristrada elettrici di Ineos.

2023 Fisker Ocean vista frontale a tre quarti

La Fisker Ocean era prodotta in Austria

Le Case papabili

Al momento, Magna Steyr, che fa parte del gruppo Magna International, costruisce la Classe G per Mercedes e la I-Pace per Jaguar. C’è quindi la volontà di allargare il giro d’affari. Lo ha detto Roland Prettner, presidente dell’azienda, in un recente incontro con la stampa avvenuto a Graz, dove Magna Steyr ha la sede.

BYD Ocean M Concept

BYD Ocean M Concept: auto economica che potrebbe essere prodotta (oltre che venduta) in Europa

Prettner, che ha sottolineato come produrre con Magna Steyr potrebbe consentire ai costruttori cinesi di acquisire un forte know-how, non ha fatto nomi, ma tra i presenti si è pensato che tra le trattative in corso ci fossero quelle con NIO, XPeng, BYD e Zeekr, che già vendono le loro auto in Europa. Non è da escludere il gruppo Chery, che si sta affacciando all’Europa con i brand Omoda e Jaecoo anche se, dopo aver acquistato una fabbrica in Spagna, potrebbe scegliere di impegnarsi in prima persona.