Si attende la versione definitiva della prima PHEV del Biscione, prevista per la fine del 2020

Alfa Romeo è arrivata tardi nel mondo dei SUV. Ha atteso fino al 2016, quando è arrivato lo Stelvio. Meglio tardi che mai, come si dice. Ma in un mercato dove crossover e SUV la fanno da padrone, non si può restare con un solo modello a listino. Un modello più piccolo deve essere una priorità se si vogliono fare numeri accettabili.

Con la Alfa Romeo Tonale, presentata al Salone di Ginevra del 2019, la Casa del Biscione sta cercando di recuperare il terreno perduto. Ma per ora non si va oltre lo stadio di prototipo, perché la versione di serie è attesa alla fine del 2020 o, addirittura, nel 2021. Per smorzare l'attesa Motor1.com ha provato a immaginare come sarà la Tonale di serie, partendo proprio da quanto mostrato dalla concept. 

Molto vicino alla produzione

Il modello svelato a Ginevra ha stupito tutti per la stretta somiglianza ad un'auto di serie. Ancor di più ha spiazzato pensando alla riservatezza intorno ad esso, che aveva fatto addirittura dubitare che fosse presente tra gli stand della kermesse ginevrina.

Per questo motivo, il rendering non si è discostato di molto dalla concept. Le differenze principali hanno riguardato l'adozione di maniglie tradizionali per le porte posteriori, come sulle 147 e le Giulietta.

Illustratio Alfa Romeo Tonale

Specchi al posto delle telecamere

Specchietti di tipo tradizionale sono stati poi adottati al posto delle telecamere laterali. Questa soluzione, che sta prendendo piede su vetture come Audi e-tron, Lexus ES e Honda e e che presto rappresenterà una valida alternativa ai normali retrovisori, sarà proposta magari anche sulla Tonale, ma di sicuro ci saranno versioni che non adotteranno questa tecnologia.

Per quanto riguarda il frontale, si sono immaginate prese d'aria più piccole, mentre per i fari si è pensato che quelli visti sulla concept possano essere vicini a quelli che andranno in produzione. Sono però stati aggiunti i fendinebbia, a meno che in Alfa Romeo non vogliano integrarli nei proiettori per avere un design più pulito.

Illustratio Alfa Romeo Tonale

Una piattaforma di origine Jeep

Design a parte, l'Alfa Romeo Tonale rappresenterà un modello chiave nella produzione del Biscione perché sarà la prima ibrida del brand. Anche in questo, infatti, la Casa di Arese accusa notevoli ritardi. Come la concept, anche la versione di serie dovrebbe nascere sulla piattaforma della Jeep Renegade, modello che, insieme alla Compass, porta al debutto versioni ibride plug-in (qui una descrizione di tutti i tipi di ibrido in circolazione) per la Casa americana.

Quasi escluso che la Tonale si basi sulla stessa piattaforma Giorgio di Stelvio e Giulia: con un layout a motore longitudinale e la trazione posteriore si dovrebbe modificare in modo troppo invasivo. Per ora quello che si sa sul modello è tutto qui. E visto che non sono stati ancora avvistati esemplari camuffati durante i test su strada, si pensa che gli "alfisti" si debbano armare ancora di parecchia pazienza prima di vedere la Tonale in veste definitiva.

Fotogallery: Alfa Romeo Tonale Rendering