La condivisione dei punti di ricarica può garantire guadagni per i proprietari contribuendo all’espansione della mobilità elettrica

L'interazione tra le auto elettriche e le infrastrutture è già realtà. La tecnologia vehicle-to-grid permetterà nel futuro prossimo di sfruttare le batterie presenti sulle vetture a basso impatto ambientale come stabilizzatori fornendo parte della carica della batteria nelle "ore di punta" della rete elettrica.

Oggi arriva una tecnologia che si basa su un concetto simile, che esplora la possibilità per i privati di mettere a disposizione le proprie colonnine per permettere ad altri automobilisti di ricaricare le proprie auto. In questo modo, i proprietari del punto di ricarica potranno guadagnare denaro, mentre gli altri utenti potranno vedere incrementare il numero dei luoghi dove potersi fermare per fare un pieno d'energia. Il progetto è proposto dalla startup americana EVmatch.

Come funziona per gli utenti?

Dopo aver scaricato l’applicazione gratuitamente dall’App store o da Google Play e aver creato un account, all’utente non basta che inserire il tipo di vettura elettrica che ha intenzione di caricare. A questo punto sulla mappa di EVmatch compariranno i punti di ricarica adatti alle caratteristiche dell’auto e il cliente potrà effettuare la prenotazione indicando data e orario. Una volta effettuata questa operazione, l’applicazione fornirà l’indirizzo esatto dove si potrà effettuare la ricarica attivando la stazione direttamente tramite lo smartphone.

EVmatch_App_ScreenShot

E per chi mette a disposizione la stazione?

I proprietari privati delle stazioni di ricarica possono, attraverso l’applicazione o il sito EVmatch, inserire i dettagli della propria apparecchiatura come la marca e il modello, la tensione e l'amperaggio. Dopo aver impostato ancora il prezzo e la disponibilità, l’applicazione va ad aggiungere la nuova stazione all’interno della lista. il proprietario del punto di ricarica, inoltre, può scegliere di addebitare oltre al costo dell’elettricità anche una tariffa di accesso e può decidere come gestire le prenotazioni, approvandole di volta in volta o rendendole istantanee nel caso in cui la postazione sia disponibile.