Le Case del Sol Levante iniziano a credere nelle full electric, interpretandole a modo loro. Le EV della kermesse e la moda del vintage

Era un amore che stentava a decollare, quello tra le Case giapponesi e l'auto elettrica pura. Ma al Salone di Tokyo 2019 sembra aver iniziato a muovere i primi passi. L'annunciata rivoluzione però non c'è ancora stata e le "visioni" hanno avuto di gran lunga la meglio sui modelli pronti per il debutto. Quello che si inizia a intravedere da parte dei big nipponici, in ogni caso, è un approccio molto peculiare alla mobilità elettrica, sintomo di una ritrovata regionalizzazione dell'auto. Un'interpretazione "Made in Japan" che si sta muovendo lungo alcune direttrici principali: ecco quali.

Le citycar e la mobilità urbana

Le Case del Sol Levante, si sa, hanno una forte tradizione nelle auto compatte e super compatte (le cosiddette Kei-Car). Ecco, oggi hanno invaso la kermesse di Tokyo con una serie di vetturette a zero emissioni di dimensioni ridotte. L'elettrico dal basso e per tutti, insomma, a differenza di tanti costruttori europei che invece si sono voluti affacciare al mondo delle EV con modelli più esclusivi e costosi. Qualche esempio? Audi e Mercedes su tutte: due Case che, pur essendo premium, avevano in gamma anche una serie di modelli più “accessibili” ai quali avrebbero potuto affiancare un'alternativa a zero emissioni. Invece sono partiti puntando nell'immediato sulla fascia più alta, rispettivamente con e-tron quattro ed EQC.

Tokyo Motor Show 2019, tutte le novità

Batterie più piccole

Al Salone però non ci sono solo citycar. Le Case nipponiche hanno inaugurato infatti un secondo filone, altrettanto originale, inerente la mobilità elettrica. Lo apre ufficialmente Mazda, nello specifico, con la concept MX-30. L'auto per dimensioni e concezione è simile alla sorella a motore termico CX-30, che infatti è stata utilizzata a fine estate come “copertura” della e-TPV per dare assaggio del powertrain elettrico della concept in mostra a Tokyo. Ebbene, la Mazda MX-30 vuole convincere gli automobilisti a passare all'elettrico non con autonomie da primato, ma con una batteria piccola. O meglio, con una batteria “di giuste dimensioni”. Per la precisione, da 35,5 kWh. Oltre alla Mazda, tra le altre crossover elettriche presentate a Tokyo c'è anche la Nissan Ariya, concept elettrica che qualcuno ha già definito la Qashqai a zero emissioni. 

2020 Mazda MX-30

I vantaggi del range extender

Stando agli studi effettuati da Mazda sulla mobilità elettrica, infatti, una vettura con batteria da 95 kWh emette, nell'intero ciclo di vita, più CO2 di un'auto equivalente con motore Diesel. La soluzione, una batteria dalla capacità minore e di un motore termico di tipo Wankel con funzione di range extender. Questo dovrebbe permettere, tra le altre cose, di proporre la vettura ad un prezzo accattivante.

Uno stile retrò

Che il design ispirato al passato stesse tornando di moda lo aveva dimostrato già la Honda e. E al Salone di Tokyo il filone "revival" ha animato lo stile di molti costruttori con forme stondate, fari circolari, superfici levigate. Tra i rappresentanti di questo trend, vanno citate ad esempio la Daihatsu WaiWai (una delle quattro concept portate allo stand insieme a TsumuTsumu, WakuWaku e IcoIco), o la Suzuki Waku Spo, che proprio come la Honda e coniuga l'elettrificazione (in questo caso il powertrain è ibrido plug-in) con forme da sportiva compatta, in questo caso, però, tre volumi.

Tokyo Motor Show 2019, tutte le novità

Non mancano, a ben vedere, neanche mezzi dalle forme più squadrate, anche questi ispirati alla tradizione tutta giapponese delle "micro-monovolume". Tra i nomi che più rimandano alle mini MVP del passato, la Mitsubishi Super Height K-Wagon Concept, la Suzuki Hustler Concept (che ha anche velleità fuoristradistiche) o la Nissan IMk, che in realtà si proietta in modo più spiccato verso il futuro.

 

Le EV mostrate del Salone di Tokyo 2019

Daihatsu TsumuTsumu, WaiWai, WakuWaku, IcoIco
Honda Jazz
Lexus LF-30
Mazda MX-30
Mitsubishi Mi-Tech, Super Height K-Wagon Concept
Nissan IMk, Serena e-Power, Ariya 
Suzuki Qaku Spo, Hanare, Every Combi, Hustler
Toyota Yaris, Mirai, Toyota Lq, e-Palette, Ultra-compact BEV

 

Fotogallery: Tokyo Motor Show 2019, tutte le novità