Realizzata da Sergio Pininfarina, la tecnologia TUC sfrutta un connettore universale per agganciare ogni tipo di componente

La piattaforma modulare TUC.Technology, nata con l'intento di rivoluzionare l'approccio industriale all'auto, è esposta al Museo dell’Auto di Torino, dove per la prima volta si potrà vedere e toccare con mano.

La TUC.Technology che si trova all’ingresso del Mauto è stata allestita sulla base della piattaforma elettrica MEB di Volkswagen e ne implementa la versatilità grazie ai caratteristici connettori TUC.Plug.

Massima modularità

La principale peculiarità della piattaforma è rappresentata proprio dal connettore modulare TUC.Plug che permette di agganciare alla piattaforma qualsiasi tipo di componente, dai sedili alla plancia, dai sistemi di intrattenimento ad accessori di ogni tipo, inclusa una macchinetta del caffè.

Fotogallery: TUC.technology: una piattaforma altamente modulare

Realizzata in collaborazione con partner illustri come Lavazza (da qui la macchina per l’espresso) a Sabelt, da Bosch a Sabelt, la TUC.Technology è compatibile con qualsiasi tipo di piattaforma attualmente in produzione e punta a ridurre drasticamente i tempi e i costi di produzione di un veicolo.

Connessioni plug&play

Questo perché agganciando ogni componente attraverso il connettore si riesce a mettere in comunicazione quell’elemento con il resto dei dispositivi elettronici presenti a bordo. E si può modificare velocemente la configurazione dell’abitacolo senza necessità di cambiare i processi industriali.

Il sistema progettato e realizzato da TUC risponde anche ai più severi requisiti di sicurezza ed è già omologato e pronto per entrare in produzione. Presentato allo stadio di prototipo nel 2018, infatti, ha raggiunto la fase di pre-industrializzazione e attende solo un partner per avviare il percorso che lo porterà ufficialmente sul mercato.