In uno studio del 2019 la Romania era, insieme ad altri stati dell’Europa dell’Est, tra i Paesi più indietro su auto elettriche e transizione energetica. Ma le cose sono cambiate e a Bucarest hanno stanziato incentivi tra i più sostanziosi di tutto il Vecchio Continente. Se oggi in Romania ti compri un’auto elettrica puoi arrivare a un contributo fino a 45.000 leu, pari a più di 9.100 euro. E se avete un’auto da rottamare alla riduzione di prezzo potete aggiungere altri 7.500 leu (1.520 euro).

Un bel risparmio, che nel caso di una Tesla Model 3 Standard Range, che di listino costa lì l’equivalente di 42.990 euro Iva inclusa, porta a un totale 34.970 euro, con tanto di destination charger incluso. Questo fa della Romania il Paese Europeo dove è più conveniente comprare la best seller di Elon Musk.

Una misura di successo

Ora, “caso Model 3” a parte, gli incentivi governativi in Romania hanno prodotto i risultati sperati. Anche perché oltre alla riduzione sull’acquisto si ha diritto anche all’esenzione dal bollo e al parcheggio gratuito nelle zone a pagamento di molte città.

Il risultato di questa politica ha portato il mercato delle elettriche a crescere del 59% nei primi quattro mesi del 2021, per quanto anche lì, come altrove, gli effetti della pandemia abbiano causato una contrazione del mercato dell’auto. Certo, si sta parlando di numeri esigui, dell’ordine di qualche centinaia di unità, ma siamo certi che in Romania, più che altrove, l’arrivo della Dacia Spring (qui tutte le info sull'elettrica meno costosa d'Europa) accelererà la diffusione dei modelli a batteria.

external_image

L’inizio di una nuova era

Tornando a Tesla, la Casa di Elon Musk ha fatto il proprio debutto sul mercato rumeno da pochissimo. Ha aperto il suo primo store a Bucarest e ha installato un primo Supercharger (non ancora di quelli prefabbricati, chiaramente) nei pressi di un parcheggio multipiano.

Non ha ancora un vero e proprio servizio assistenza ufficiale, e questo costringe gli automobilisti rumeni a recarsi a Vienna in caso di necessità. Ma le cose cambieranno presto, perché entro l’anno il brand avvierà il servizio anche in Romania. Insomma, anche a Est l’auto elettrica sta crescendo, e con l’arrivo di nuovi modelli e incentivi di questa portata, potrebbe non essere più una rarità in tempi brevi.