Spinta da 4 motori elettrici per 653 CV, adotta un pacco di 4 celle a combustibile e tocca i 300 km/h

Tra le tante auto che affronteranno la famosa salita inglese di Goodwood durante l’edizione 2021 del Festival of Speed, in programma questo weekend (8-11 luglio), ci sarà anche la rivoluzionaria auto da endurance LMPH2G di Mission H24. Rivoluzionaria perché è spinta da un powertrain fuel cell a zero emissioni.

Nel progetto sono coinvolte realtà come Michelin, Faurecia e la specialista di sistemi propulsivi a idrogeno Symbio. Ma ha contribuito anche GreenGT 24H, già impegnata proprio in competizioni di durata, inclusa la 24 Ore di Le Mans.

Quattro motori e 653 CV

Nello specifico, l’auto adotta un pacco di 4 celle a combustibile che alimentano altrettanti motori elettrici che generano una potenza complessiva di 653 CV. Questo powertrain, unito a una scocca in materiale composito e all'aerodinamica particolarmente curata, permette alla vettura di raggiungere una velocità massima di 300 km/h. 

  • Powertrain: 4 fuel cell e 4 motori elettrici
  • Potenza max: 653 CV
  • Velocità max: 300 km

Michelin a zero emissioni

Michelin sfrutterà l’occasione della LMPH2G per svelare anche un nuovo tipo di pneumatici green realizzati per il 46% con materie prime riciclati provenienti principalmente da pneumatici esausti. Tra questi, oltre al nerofumo, l’azienda francese utilizzata anche scorze di limone e di arancia, olio di girasole, resina di pino e acciaio riciclato.

Questi pneumatici rappresentano un primo passo verso il 2050, anno in cui l’azienda francese costruirà i suoi pneumatici esclusivamente con materiali riciclati. Tappa intermedia di questo percorso sarà il 2030. Per quella data i componenti di recupero rappresenteranno il 40% di tutti i materiali della costruzione di gomme. Anche con questo scopo la Michelin sta usando il mondo dell’endurance come laboratorio per accelerare lo sviluppo di pneumatici sostenibili e di alto livello.

LMPH2G

Peyman Sabet, vicepresidente del dipartimento business development dell’Europa del Nord per Michelin, ha dichiarato: “La partnership con GreenGT 24H ha evidenziato il ruolo di Michelin nei processi innovativi, e ciò che proponiamo è il veicolo perfetto per montare i nostri pneumatici, fatti per il 46% di materiale riciclato. Questi progetti pionieristici onorano l’impegno dell’azienda per la sostenibilità, senza compromettere le performance. Siamo lieti di portare questa vettura al Goodwood Festival of Speed e siamo molto emozionati all’idea che i fan possano assistere al suo debutto”.

Le Mans a idrogeno

L’auto a fuel cell per le competizioni non è una novità assoluta. Anche Toyota ha appena partecipato a una competizione di durata con una Corolla che però in quel caso usava idrogeno per alimentare un motore termico. Nel 2018, però, l’Automobile Club de l’Ouest (organizzatore della 24 Ore di Le Mans) ha annunciato il lancio di una classe di veicoli a idrogeno per l’edizione 2024: un’iniziativa conosciuta col nome collettivo di Mission H24. 

Tornando a Goodwood, la LMPH2G, dopo l’immancabile passaggio sui 1.860 metri della hillclimb più famosa del Regno Unito, sarà esposta sul palco del Michelin Supercar Paddock per tutti i quattro giorni dell’evento. Sul palco del Michelin Supercar Paddock si terranno anche una serie di iniziative di contorno che vedranno coinvolte anche la star della TV Vicki Butler-Henderson e il leggendario pilota Tim Harvey.