Free2Move eSolutions e Accenture lanciano una partnership per le colonnine e una piattaforma per i servizi di ricarica in abbonamento

Free 2Move eSolutions preme l’acceleratore e, per crescere ancora di più, ha firmato una partnership con il colosso della consulenza Accenture. Insieme, le due società vogliono sviluppare delle nuove soluzioni per dare un contributo ancora più importante alla transizione ecologica.

L’idea è installare colonnine e creare un sistema per la ricarica facile da usare e disponibile in tutta Europa, incentivando così il passaggio alla mobilità sostenibile. Il piano, che durerà diversi anni, si basa su tre elementi fondamentali. 

Grande e semplice

La prima mossa verrà fatta da Accenture e sarà sviluppare una piattaforma per la ricarica dei veicoli elettrici su abbonamento, creando anche un’esperienza cliente più semplice e intuitiva. Una volta completata, le società promettono “accesso al più grande gruppo di punti di ricarica pubblici d’Europa”, a cui si potrà accedere facilmente scaricando un’app.

“Attualmente – spiegano le due nuove alleate –, la maggior parte dei proprietari di veicoli elettrici possono accedere soltanto alle stazioni di ricarica con cui hanno stipulato accordi di pagamento diretto, risultando quindi spesso obbligati ad allungare il proprio percorso, e quindi a percorrere più chilometri, per raggiungere le stazioni di ricarica. Questo implica inoltre che, generalmente, i proprietari di veicoli elettrici devono registrarsi tramite diversi sistemi di pagamento, un’esperienza non gradevole e poco funzionale”. Nel prossimo futuro, però, si “semplificherà enormemente l’esperienza per i propri clienti”.

colonnina di ricarica

Il secondo passo di Accenture sarà installare le colonnine con tecnologia Free2Move eSolutions in tutto il Vecchio Continente, partendo dalle proprie sedi in Italia e in Francia. Terza e ultima fase del progetto sarà dare vita a nuove idee e svilupparle insieme per far crescere la eMobility tra le flotte delle grandi aziende.

Un passaggio chiave

La rivoluzione interna partirà immediatamente, come spiega Jean Marc Ollagnier, Ceo di Accenture Europe: “Accenture adotterà da subito nella propria flotta le soluzioni sviluppate all’interno di questa partnership che contribuirà anche ad accelerare il nostro impegno quale leader di settore verso il raggiungimento dell’obiettivo zero emissioni. Il nuovo Accenture Forward Building di Roma sarà il primo luogo a beneficiare di questa tecnologia, prima di espanderla in Francia e poi nel resto d’Europa”.

Roberto Di Stefano, Ceo della joint venture tra Stellantis ed Engie EPS, ha aggiunto: “Questa partnership con Accenture segna il raggiungimento di una tappa importante per permetterci di guidare la transizione verso la mobilità elettrica. La mission di entrambi i partner è risolvere problemi complessi. Puntiamo a semplificare e velocizzare, e a dare il nostro contributo per un futuro più sostenibile”.

Fotogallery: Fiat 500 elettrica, perché comprarla e perché no