Dopo l’annuncio della collaborazione tra Porsche e Customcells, sfociato nella joint venture Cellforce Group, le due aziende rendono noto oggi di aver trovato la location dove costruire l’impianto in cui verrà avviata la produzione delle batterie: sarà in Germania, nello stato del Baden-Wuerttenberg, e più precisamente nei distretti di Reutlingen-Nord/Kirchentellinsfurt.

Il progetto della fabbrica riceverà 60 milioni di euro di finanziamenti pubblici come parte del programma europeo IPCEI - EuBatIn (Important Project of Common European Interest – European Battery Innovation), il cui scopo è favorire la creazione di una catena del valore europea per le batterie agli ioni di litio.

Previsti 100 MWh all’anno

La costruzione dello stabilimento verrà avviata il prossimo anno, occuperà un’area di circa 29.000 metri quadrati e la produzione a pieno regime delle batterie ad alte prestazioni che saranno al centro delle attività comincerà nel 2024. Il volume produttivo previsto per lo stabilimento sarà inizialmente capace di equipaggiare mille veicoli all’anno, con la promessa di un aumento della produzione che dovrebbe arrivare al target dei 100 MWh annuali.

Una fitta rete di aziende

L’impianto sarà situato in una regione della Germania con una ricca storia automobilistica alle spalle: il Baden-Wuerttenberg, infatti, è lo stato tedesco col più alto numero di impianti produttivi nel settore automotive. Basti dire che la capitale dello stato è Stoccarda, città che oltre a Porsche ospita anche Mercedes, tanto per citare due Case automobilistiche di fama mondiale.

Il pacco batterie della Porsche Taycan

Si capisce meglio, dunque, il motivo per cui la scelta del luogo è stata tutt’altro che casuale: “Il Baden-Wuerttenberg è da sempre stato al centro delle nostre attenzioni. Soprattutto nel distretto di Reutlingen-Nord/Kirchentellinsfurt abbiamo importantissimi partner che portano avanti ricerca e produzione ad alti livelli. Per noi, la prossimità di molte realtà produttive è un fattore chiave per ottenere un rapido successo”, ha dichiarato Markus Gräf, ceo di Cellforce Group.

Una di queste realtà, situata a due passi dal futuro stabilimento Cellforce, è Manz AG, che produce componenti in grado di trasmettere l’energia prodotta dagli accumulatori al powertrain del veicolo. Le due realtà non hanno ancora avuto contatti, ma l’affinità produttiva potrebbe, in futuro, favorirli. Sicuramente non sarebbe la prima relazione industriale stretta dall’azienda: di due mesi fa è infatti l’ordine, effettuato presso Dürr, di alcune componenti indispensabili per l’assemblaggio delle batterie ad alte prestazioni che la joint venture tedesca intende produrre.

Live photos of Porsche Mission R from IAA 2021

Nuove batterie per nuove elettriche

Il ceo di Porsche Oliver Blume ha dichiarato di recente che Cellforce sta sviluppando le nuove batterie utilizzando elettrodi in silicio. Secondo l’azienda, questa opzione aumenterebbe la densità energetica delle batterie senza aumentarne le dimensioni. Inoltre, sarà assicurata una significativa diminuzione della resistenza interna: così, l’accumulatore sarà in grado di assorbire molta più energia nelle fasi di recupero e di ricaricarsi più velocemente alle colonnine. Secondo la Casa, infine, le nuove batterie garantiranno un’ottima resistenza alle alte temperature.

Come dichiarato da Porsche, i prodotti Cellforce, equipaggeranno la nuova generazione di auto sportive a zero emissioni della Casa tedesca. La prima sarà la Mission R, presentata all’IAA Mobility a settembre. Il modello, però, è solo un prototipo, e Porsche non ha ancora annunciato nessuna nuova auto sportiva a zero emissioni prodotta in serie.

Fotogallery: Porsche Mission R