Il 2021 è stato, per Tesla, un anno altalenante, tra annunci di nuovi modelli, piani di espansione e colpi di testa di Elon Musk che hanno contribuito a scuotere il titolo Tesla in Borsa.

Daniel Ives, analista di Wall Street e amministratore delegato di Equity Research, che da tempo segue da vicino le vicende di Palo Alto, ha pubblicato un tweet (e, al tempo stesso, avvertito gli investitori) su un possibile nuovo boom di Tesla nel 2022. La Casa californiana a suo avviso avrebbe in serbo piani molto ambiziosi con l'obiettivo addirittura di provare a raddoppiare la produzione, già prossima al milione di auto all'anno.

Un obiettivo ambizioso

Un progetto ambizioso sì, ma non utopistico per l'analista: manca sempre meno infatti all'avvio a regime degli stabilimenti di Austin e di Berlino. E nel frattempo, la Casa ha anche aumentato la capacità produttiva della Gigafactory di Shanghai, sta lavorando sull'espansione dello stabilimento di Storey County, in Nevada, e sta studiando l'ubicazione delle future fabbriche.

 

Nessuna Casa auto sta riuscendo a superare indenne la crisi legata alla scarsa fornitura di chip, ma Tesla - sempre secondo Ives - avrebbe reagito meglio di molti altri. È vero che, su alcuni mercati, i tempi di attesa arrivano a sfiorare anche i 12 mesi, ma gli ordini stanno comunque continuando ad arrivare in gran numero, complici anche l'aggiornamento della Model 3 e il lancio della Model Y.

Una volta che le nuove fabbriche saranno attive e raggiungeranno la piena capacità produttiva, è probabile quindi che Tesla sarà molto vicina a risolvere il collo di bottiglia dell'offerta a fronte dell'alta richiesta.

Raddoppio in vista?

Adesso, a dicembre 2021, Tesla risulta in grado di produrre circa 1 milione di auto all'anno, numeri però che possono aumentare velocemente con l'apertura dei nuovi stabilimenti di cui sopra. Ives, come dichiarato a Electrek, prevede che la Casa possa raddoppiare la propria capacità entro la fine del 2022:

"Riteniamo che, entro la fine del 2022, Tesla avrà una capacità complessiva di circa 2 milioni di unità all'anno, contro l'1 milione circa di oggi"

Fotogallery: Gigafactory Berlino in costruzione