È un trend in crescita costante quello delle immatricolazioni di auto elettriche in Europa. Se guardiamo a tutto il Vecchio Continente (Unione europea più Paesi dell’area EFTA e Regno Unito) scopriamo che nel primo trimestre del 2022 le vendite di vetture a batteria sono cresciute addirittura del 60,8%.

I veicoli a zero emissioni sono passati infatti dalle 202.350 immatricolazioni di gennaio-marzo 2021 alle 325.285 dei primi tre mesi di quest’anno. Il totale di consegne, considerati tutti i sistemi di alimentazione, è stato di 2.753.683: significa che le full electric rappresentano l’11,8% del mercato.

Tra plug-in e Ue

Superate così le ibride plug-in, che si fermano all’8,6% di quota, con 236.991 immatricolazioni (in calo del 6,1%). Insieme, BEV e PHEV hanno venduto 562.276 unità, pari al 20,4% del totale. Come se la sono cavata invece le zero emissioni nella sola Unione europea?

volkswagen concessionária carro eletrico
Concessionaria di auto elettriche

Qui le auto elettriche pure hanno registrato 224.145 consegne: in aumento del 53,4%. Come segnala Acea, l’associazione che riunisce i costruttori d’auto in Europa, le full electric hanno quasi raddoppiato la loro quota di mercato rispetto a un anno fa, ora pari al 10%.

Passando alle ibride plug-in, le vendite hanno totalizzato 199.107 unità: è un -5,3% su base annua. La somma parla però di 423.252 immatricolazioni di auto alla spina in Ue (18,9%). Perdono invece benzina e diesel, pur continuando a rappresentare oltre la metà delle consegne, con le ibride che avanzano (qui trovate anche i dati di aprile 2022 in Italia).

Il Q1 2022 in Europa (Ue+EFTA+UK)

  Immatricolazioni Q1 2022 Variazione sul Q1 2021 Quota di mercato
Elettriche 325.285 +60,8% 11,8%
Ibride plug-in 236.991 -6,1% 8,6%
Totale 562.276 / 20,4%