Ford delinea il suo futuro al Capital Markets Day. La Casa americana presenta i suoi obiettivi di mercato e anticipa l’arrivo di nuovi modelli nei prossimi anni pensati sia per gli USA che per l’Europa.

Ecco tutte le anticipazioni rivelate dal ceo americano Jim Farley.

Le due nuove Ford

Il primo modello ad essere presentato è un grande SUV a 7 posti che sarà posizionato allo stesso livello dell’Expedition, il modello più imponente di Ford nel mercato nordamericano, con una lunghezza di 5,33 metri. Il marchio statunitense parla di un modello in arrivo nel 2025 capace di garantire un’ampia spaziosità di bordo e un’autonomia massima di 560 km.

Con la ricarica ultrarapida, questa Ford sarà capace di ottenere oltre 200 km di percorrenza in meno di 10 minuti, mentre il prezzo base non viene rivelato, anche se la Casa parla di un modello “accessibile”.

 

La seconda nuova Ford elettrica sarà un pick-up. In sviluppo col nome in codice di “T3 Project”, dovrebbe puntare su una gamma ridotta all’osso per semplificare e i processi produttivi e ridurre i costi. Stando alla Casa, il secondo pick-up elettrico dopo l’F-150 Lightning si rivolgerà principalmente al mondo del lavoro, pur mantenendo un alto livello di digitalizzazione.

È probabile che entrambe le nuove Ford saranno progettate su una piattaforma inedita che sarà presentata nel 2025 e che integrerà un’architettura avanzata in grado di supportare la guida autonoma di livello 3.

Resta da capire se i modelli arriveranno anche nel Vecchio Continente o se il SUV sarà destinato solamente alla clientela di Stati Uniti e Canada.

Gli accordi per le materie prime

Intanto, per sostenere l’aumento della produzione nei prossimi anni, Ford ha siglato una serie di accordi importanti. Uno di questi è quello con Albermarle, che fornirà alla Casa americana 100.000 tonnellate di litio estratte negli Stati Uniti o nei Paesi “partner” per rispettare i requisiti necessari per accedere agli incentivi dell’Inflation Reduction Act.

Ford Explorer elettrica (2023)

Ford Explorer EV, una delle novità più recenti della Casa statunitense

L’accordo sarà operativo tra il 2026 e il 2030 e permetterà di costruire 3 milioni di esemplari. Da segnalare anche il contratto quinquennale firmato con Compass Minerals, quello di 11 anni con Nemaska Lithium, quello che partirà dal 2025 con EnergySource Materials e, infine, l’accordo con la cilena SQM. Insomma, Ford è davvero pronta a fare sul serio.

Fotogallery: Ford Explorer elettrica (2023)