Le batterie agli ioni di litio per auto elettriche sono sempre più immuni ai guasti. Lo dice uno studio della startup Recurrent, dal titolo New Study: How Long Do Electric Car Batteries Last? e basato sui dati di circa 15.000 veicoli, raccolti fra il 2011 e il 2023.

L'analisi dimostra infatti che nei primi anni di circolazione delle vetture a zero o basse emissioni (2011-2015) le sostituzioni degli accumulatori sono state molto più frequenti rispetto al periodo successivo (2016-2023).

Crollo delle sostituzioni

Il 2011 è stato addirittura l'anno peggiore, con un tasso di guasti del 7,5%. Come si può vedere nel grafico sotto, il 2016 ha rappresentato invece l'inizio del crollo delle sostituzioni, scese allo 0,1-0,5%.

Lo studio spiega poi che la maggior parte dei problemi sarebbe stata coperta dalla garanzia del produttore, mentre i miglioramenti dipenderebbero dallo sviluppo di tecnologie più mature, tra cui il raffreddamento attivo delle batterie a liquido, nuove strategie di gestione termica e uso di nuove sostanze chimiche.

Tesla e Nissan nel mirino di Recurrent

Passando in rassegna i singoli modelli, sembra che il tasso più elevato di guasti alle batterie sia stato registrato nelle prime Tesla Model S e Nissan Leaf, auto elettriche molto popolari all'epoca e che hanno gonfiato la media totale:

  • 2013: Tesla Model S (8,5%)
  • 2014: Tesla Model S (7,3%)
  • 2015: Tesla Model S (3,5%)
  • 2011: Nissan Leaf (8,3%)
  • 2012: Nissan Leaf (3,5%)