La compatta spagnola "2020" introduce 2 versioni PHEV che ricalcano le motorizzazioni della Volkswagen Golf 8 con 204 e 245 CV

La Seat Leon porta al debutto la quarta generazione. Modello chiave dell’offerta della Casa spagnola, con oltre 2,2 milioni di vetture vendute in 21 anni, l’auto oggi si presenta in una veste completamente rinnovata. È più grande, più tecnologica ed...elettrificata.

In gamma, infatti, la compatta marchiata Seat offre due versioni ibride plug-in. Sono le stesse della Volkswagen Golf 8, della quale ricalca fedelmente la gamma “alla spina”. 

Fotogallery: Nuova Seat Leon 2020, le foto ufficiali

Plug-in da 204 e 245 CV

Proprio come la cugina targata Wolfsburg da cui deriva, le due Leon PHEV sono spinte entrambe da un powertrain in cui il 1.4 TSI è abbinato ad un’unità elettrica alimentata da una batteria agli ioni di litio da 13 kWh. Si potrà scegliere tra la versione da 204 CV e la versione da 245 CV (che è la stessa della nuova Golf GTE). Le due ibride plug-in, che possono percorrere fino a 60 km in modalità esclusivamente elettrica, sono in grado di dialogare con app specifiche dalle quali si può accedere alle informazioni sulla batteria e gestire la ricarica anche in remoto.

A queste si aggiungono anche tre versione mild-hybrid con tecnologia a 48 Volt sia con motore 1.0 a tre cilindri da 110 CV sia con motore 1.5 a quattro cilindri declinato nelle varianti di potenza da 130 CV e 150 CV.

Versione Powertrain Motore termico Potenza Batteria Standard di ricarica
1.4 eHybrid PHEV 1.390 cc 204 CV 13 kWh CCS Tipo 2
1.4 eHybrid PHEV 1.390 cc 245 CV 13 kWh CCS Tipo 2

Due trasmissioni a listino

Per quanto riguarda i cambi, le due plug-in hybrid arrivano sul mercato con la sola trasmissione a doppia frizione. Si tratta di una DSG a 6 rapporti con tecnologia “shift by wire”. Le mild hybrid, invece, presentano di serie un cambio manuale a sei marce. In alternativa si può optare, come accade sulle versioni ad alimentazione tradizionale, su un DSG a 7 rapporti

Seat Leon 2020

Più grande…

Per il resto, la nuova Seat Leon si presenta con un look evoluto, ma ancora legato al family feeling della Casa, che veste un corpo vettura più lungo (si arriva a 4,36 metri per la berlina e a 4,64 per la famigliare, che è stata battezzata Sportstourer) ma anche più largo e più basso, a sottolineare il dinamismo che da sempre contraddistingue il modello. L’auto, davanti, somiglia alla Seat Tarraco - che in effetti è un po’ una Leon a baricentro rialzato - e come il Suv presenta nuovi fari a matrice di Led con 22 lampadine ciascuno.

2020 SEAT Leon

… e più tecnologica

Salendo a bordo, infine, si scopre un abitacolo dalle linee pulite ed essenziali. Tutto ruota intorno ai due schermi presenti nella parte anteriore, quello da 10”25 della strumentazione, dietro al volante, e quello a sbalzo, al centro, dedicato all’infotainment, che può essere da 8” o da 10”. Il sistema di intrattenimento è dotato di assistente vocale evoluto e di compatibilità con Android Auto e Apple CarPlay. Grazie alla presenza di una sim, è anche sempre connesso a internet.

2020 SEAT Leon

Guida autonoma di Livello 2

La nuova Seat Leon, sul fronte sicurezza, introduce un pacchetto di guida autonoma di Livello 2, che ai dispositivi già presenti sulla Leon attuale aggiunge tecnologie evolute come il Cruise control adattivo che analizza le condizioni della strada grazie al Gps, il Lane Assist con funzione di assistenza al sorpasso in autostrada (basta mettere la freccia).