La forbice si assottiglia ma anche nel 2019 l'Europa "ha guadagnato" 1,1 miliardi dagli scambi globali delle vetture elettrificate

Se l’espansione della mobilità elettrica in Europa è confermata dall’aumento esponenziale delle immatricolazioni di EV, anche l’evoluzione del mercato automobilistico è influenzata in modo rilevante da una forte crescita delle operazioni di importazione ed esportazione di questo tipo di veicoli nel Vecchio Continente. Con una sorpresa.

Secondo un rapporto diffuso in questi giorni dell’Eurostat, infatti, nel 2019 l’Unione europea ha importato auto elettriche e ibride per un giro d’affari complessivo di 7,1 miliardi di euro. E fin qui tutto come da copione. Per quanto riguarda le esportazioni, invece, il valore si aggira intorno agli 8,2 miliardi di euro, il che significa un surplus commerciale di 1,1 miliardi.

Elettriche davanti

L'import-export 2019 delle vetture a basse emissioni è stato dominato dalle full electric che valgono il 69% delle importazioni Ue e il 56% delle esportazioni, contro i rispettivi 31% e 44% delle auto ibride.

Da notare però che rispetto al 2018 il valore delle esportazioni è aumentato del 54%, mentre quello delle importazioni è più che triplicato (+208%).

Un andamento di cui l'Europa dovrà tenere conto per mantenere in positivo questa forbice, che potrà trarre giovamento dall'ondata di nuovi modelli a batteria in arrivo e dagli investimenti nel settore delle batterie, che hanno finalmente sovrastato quelli della Cina

Prove di autonomia per l'Aud e-tron: 10 stati in 24 ore

UK prima meta

La classifica 2019 delle principali destinazioni delle esportazioni di vetture elettrificate nell’Unione europea, in termini di valore, vede al primo posto il Regno Unito con il 26% seguito dalla Norvegia con il 22% e dagli Stati Uniti con il 19%.

Le importazioni invece provengono principalmente dagli Stati Uniti (43% delle importazioni in termini di valore, il nome Tesla vi dice nulla?), dalla Corea del Sud (23%) e dal Regno Unito (17%).

2019 Mercedes EQC Edition 1886

La situazione 2020

Nonostante i problemi legati alla pandemia, tra gennaio e aprile 2020 le esportazioni europee di auto elettriche e ibride sono aumentate rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente con 2,9 miliardi di euro contro 2,5.

Andando più nel dettaglio, bisogna tenere presente che ad aprile 2020 è stato registrato uno scivolone delle esportazioni che sono scese a 0,3 miliardi contro gli 0,8 miliardi di aprile 2019. Nei primi 4 mesi del 2020, anche il valore delle importazioni è salito rispetto allo scorso anno, ma con più forza: da 1,8 miliardi di euro a 3,1 miliardi.